Akamai Executive Tom Leighton

Amministratore delegato e co-fondatore

Tom Leighton, co-fondatore di Akamai Technologies nel 1998, è stato Chief Scientist di Akamai prima di diventare CEO nel 2013. Sotto la guida di Leighton, Akamai si è evoluta rispetto alle sue origini come CDN (rete per la distribuzione dei contenuti) in una delle piattaforme di cloud delivery e cyber-sicurezza più importanti e affidabili, sulla quale molti dei brand e delle aziende migliori al mondo si basano per creare e proteggere le proprie experience digitali. Durante i primi sei anni in cui ha operato come CEO, i guadagni e i profitti di Akamai sono quasi raddoppiati, aumentando da meno di 1,4 milioni di dollari nel 2012 a più di 2,7 milioni nel 2018. Nello stesso periodo, i ricavi annui del settore sicurezza di Akamai sono aumentati di 25 volte arrivando a superare i 658 milioni di dollari nel 2018.

Considerato uno dei nomi più prestigiosi al mondo nel campo degli algoritmi per applicazioni di rete e della cyber sicurezza, Leighton ha individuato una soluzione per eliminare la congestione del web utilizzando la matematica applicata e il calcolo distribuito. Akamai ha utilizzato questa tecnologia per creare la più grande piattaforma di calcolo distribuito al mondo, che oggi protegge e distribuisce decine di milioni di richieste al secondo a miliardi di utenti di tutto il pianeta.

È titolare di oltre 50 brevetti in vari ambiti, fra cui delivery dei contenuti, protocolli Internet, algoritmi per reti, crittografia e DRM (gestione dei diritti digitali). Insieme al co-fondatore di Akamai, Danny Lewin, sono stati inclusi nella National Inventors Hall of Fame nel 2017 per aver "inventato i metodi necessari per indirizzare e replicare in maniera intelligente i contenuti all’interno di una vasta rete di server distribuiti, una tecnologia che avrebbe portato alla risoluzione di un problema che stava diventando frustrante per gli utenti di Internet." Nel 2018, la Marconi Society l'ha scelto per ricevere il premio Marconi per i "suoi fondamentali contributi alla tecnologia e alla realizzazione delle reti per la distribuzione dei contenuti." È inoltre membro della National Academy of Sciences, della National Academy of Engineers e dell'American Academy of Arts and Sciences

Leighton ha lavorato presso diversi comitati governativi, di settore e di consulenza accademica. È stato uno dei 18 CEO invitati alla Casa Bianca nel 2017 per il lancio dell'American Technology Council, mirato allo sviluppo di soluzioni per modernizzare e proteggere i sistemi IT del governo statunitense. Dal 2003 al 2005 ha lavorato presso il PITAC (President’s Information Technology Advisory Committee), presiedendo la Sottocommissione per la cyber sicurezza. È inoltre membro della National Academy of Sciences, della National Academy of Engineering e dell'American Academy of Arts and Sciences.

Da oltre trent'anni Leighton si impegna personalmente nel potenziamento del flusso di studenti che intraprendono percorsi STEM, prima come docente di matematica al MIT, ora grazie alla sua leadership presso Akamai. È un grande sostenitore della Akamai Foundation, che promuove l'istruzione matematica, e ha supervisionato la creazione dell'Akamai Technical Academy, un innovativo programma sviluppato internamente, volto a formare diverse figure professionali non tecniche per percorsi tecnici. Sostiene anche numerose organizzazioni di beneficenza dedicate al potenziamento dei percorsi di studio STEM e delle opportunità per gli studenti tra i 4 e i 12 anni, tra cui The Center for Excellence in Education, The Society for Science and the Public (sponsor di Intel Science Search), The Mathematical Association of America (sponsor delle Olimpiadi di matematica), The Math Competition for Girls e Girls Who Code.

Si è laureato con lode e menzione speciale in ingegneria elettrica e informatica presso l'Università di Princeton nel 1978 e ha conseguito il dottorato di ricerca in matematica applicata presso il MIT nel 1981.