Akamai ha acquisito Linode per creare la piattaforma di computing più distribuita al mondo, dal cloud all'edge. Maggiori dettagli

Dark background with blue code overlay

Notizie

La neutralità della rete si basa su chi la definisce

Informazioni su AOTMP
10 marzo 2022

Negli Stati Uniti, Lauren Van Wazer anticipa una rinnovata spinta politica verso i regolamenti sulla neutralità della rete negli Stati Uniti da parte della FCC (Federal Communications Commission) di Biden. Lauren Van Wazer osserva che, in seguito alla pandemia e al cambiamento degli ambienti lavorativi, si è acquisita una notevole esperienza nella migrazione e nell'accelerazione dei servizi dei consumatori online, specialmente nel settore sanitario, ma mette in guardia le aziende sul fatto di considerare il potenziale delle normative poiché riguarda le loro applicazioni sanitarie e i rapporti con i loro fornitori.


La necessità di migliorare la sicurezza nell'implementazione della banda larga

CyberWire
10 marzo 2022

Lauren Van Wazer, vicepresidente della divisione Global Public Policy di Akamai, discute con Dave Bittner in questo podcast relativamente all'esigenza dell'azienda di migliorare la sicurezza nell'implementazione della banda larga.


Cinque consigli per iniziare l'integrazione MFA e adottare il modello Zero Trust

MeriTalk
8 marzo 2022

"...in Akamai, sappiamo dal nostro percorso verso l'MFA quanto tempo, impegno e risorse siano richiesti alle organizzazioni per implementare le soluzioni MFA e le relative difficoltà affrontate.

Tenendo presente questa esperienza, abbiamo stilato cinque consigli utili per le agenzie federali e altre organizzazioni per aiutarle ad adottare la tecnologia MFA e ad iniziare il loro percorso verso il modello di sicurezza Zero Trust".


Come applicare il modello Zero Trust nei reparti IT federali

Federal News Network
8 marzo 2022

Questa settimana, Patrick Sullivan ha parlato con John Gilroy di Federal Tech Talk su come applicare il modello Zero Trust ai reparti IT federali. In questa conversazione, Patrick ha discutto della definizione del modello Zero Trust, dell'ordine esecutivo e delle sue implicazioni per le agenzie federali. Patrick ha anche parlato della microsegmentazione e dei suoi vantaggi volti a limitare il "raggio d'azione" degli attacchi informatici.


Gli attacchi DDoS ora usano un vettore di amplificazione da record

Bleeping Computer
8 marzo 2022

Negli attacchi DDoS, viene ora usato un nuovo metodo capace di fornire un rapporto di amplificazione da record di quasi 4,3 miliardi a 1.

Gli attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) prendono di mira server o reti con molte richieste e alti volumi di dati nell'intento di esaurire le loro risorse disponibili, causando un'interruzione dei servizi.

Il rapporto di amplificazione è fondamentale quando si sferra un attacco: più questo valore è elevato, più è semplice per i criminali sovraccaricare gli endpoint protetti con minor sforzo.


Akamai migliora la sua efficienza con l'energia rinnovabile e riduce le emissioni di anidride carbonica della sua piattaforma

Leader nell'impegno ambientale e nel settore energetico
7 marzo 2022

Akamai si è imposta cinque obiettivi da conseguire entro il 2030, che includono l'uso di energia rinnovabile al 100%, un incremento del 50% dell'efficienza energetica e l'eliminazione delle emissioni di anidride carbonica della sua piattaforma, una gestione responsabile della supply chain e un programma di riciclaggio dei rifiuti elettronici al 100% a livello globale. Akamai ha fornito un aggiornamento sui progressi compiuti nel suo rapporto sulla sostenibilità 2021.


Gli autori degli attacchi DDoS hanno escogitato questo nuovo trucco per mettere KO i siti web

ZDNet
2 marzo 2022

Gli autori degli attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) ora usano una nuova tecnica per interrompere i siti web prendendo di mira i "middlebox", come i firewall, per amplificare gli attacchi sferrati contro la posta indesiderata.

Gli attacchi di amplicazione non sono un fenomeno nuovo e hanno aiutato i criminali a mettere fuori combattimento i server con un traffico di 3,47 Tbps. L'anno scorso, Microsoft ha mitigato attacchi di questa portata in una gara tra giocatori online.

Tuttavia, si profila all'orizzonte un nuovo tipo di attacco. Akamai, una società che si occupa di reti per la distribuzione dei contenuti, afferma di aver osservato una recente ondata di attacchi sferrati tramite una tecnica chiamata "TCP Middlebox Reflection", che utilizza il protocollo TCP (Transmission Control Protocol) su cui si basa la protezione delle comunicazioni su Internet tra i computer connessi in rete. Secondo Akamai, gli attacchi hanno raggiunto un'ampiezza di 11 Gbps con 1,5 milioni di pacchetti al secondo (Mpps).


Flussi di dati interminabili ed esaurimento delle risorse: gli attacchi DDoS diventano sempre più spietati

Ars Technica
1° marzo 2022

Lo scorso agosto, alcuni ricercatori universitari hanno scoperto un nuovo metodo in grado di interrompere i siti web: una flotta di server non correttamente configurati 100.000 volte più potenti che possono amplificare enormi flussi di dati indesiderati a dimensioni inimmaginabili. In molti casi, questi attacchi potrebbero determinare un ciclo infinito di routing causando un flusso di traffico ininterrotto. Ora, Akamai afferma che i criminali stanno sfruttando i server per prendere di mira i siti web di vari settori (banking, viaggi, gaming, media e hosting web).


La buona notizia del martedì: un'azienda di tecnologie supporta la crescita di vari innovatori

Boston Business Journal
1° marzo 2022

Ogni anno, l'Akamai Foundation, un'associazione benefica supportata da Akamai Technologies Inc., offre finanziamenti alle organizzazioni globali per supportare e incoraggiare la nuova generazione di innovatori tecnologici tramite l'istruzione STEM e attrarre una maggiore diversità di talenti nel settore.


Il periodo di Natale 2021 ha visto un netto aumento di attacchi bot nell'eCommerce

BetaNews
24 febbraio 2022

Durante lo scorso periodo natalizio, si è osservato un livello insolitamente alto di attività di bot dannosi nei settori del retail e dell'eCommerce in base ai nuovi dati forniti da Akamai e RH-ISAC (Retail and Hospitality Information Sharing and Analysis Center).


Il nuovo codice dei dirigenti: Adattarsi, mostrare empatia e fornire le giuste motivazioni

Forbes
17 febbraio 2022

I responsabili aziendali devono porre domande, ascoltare attentamente e adattarsi alle persone con cui interagiscono, fornendo loro le giuste motivazioni Kim Salem-Jackson, CMO di Akamai, condivide altre opinioni su Forbes.


Il CEO di Akamai Technologies afferma che l'acquisizione di Linode è un entusiasmante passo in avanti

CNBC Squawk Box
16 febbraio 2022

Tom Leighton, CEO di Akamai Technologies, partecipa alla "Squawk Box" per parlare del fatturato del quarto trimestre dell'azienda e della sua decisione di acquisire Linode, una società di hosting su cloud.


Quando inizia il Super Bowl? Dipende da come lo guardi

Sportico
11 febbraio 2022

L'NFL da vent'anni trasmette in streaming i Super Bowl. L'anno scorso, 5,7 milioni di spettatori hanno visto l'evento, quasi tre volte il numero delle persone che l'avevano guardato nel 2018, l'ultima volta in cui era stato trasmesso dalla NBC. Ciò significa che gli spettatori ora sono abituati ai costi associati alla visione di una partita su media diversi dalla TV tradizionale: Dover contrastare i problemi online. Non poter scommettere sulle partite. Affrontare il dilemma morale se sia sicuro inviare il testo di una conversazione di basso livello. Entrare nell'eterno dibattito se aggiornare il feed possa aiutare e, pochi secondi dopo, chiedersi: "Siamo in ritardo?"


Dopo essersi nascosta per lungo tempo, la botnet SSH spunta come un fungo e diventa sempre più difficile da contrastare

Ars Technica
10 febbraio 2022

Due anni fa, i ricercatori si sono imbattuti in una delle botnet più intriganti di Internet: una rete finora sconosciuta di 500 server, molti in università e aziende ben note in tutto il mondo, che era impermeabile ai normali metodi messi in atto per contrastarla. Dopo essersi nascosta per 16 mesi, hanno detto quei ricercatori, la botnet conosciuta come FritzFrog è tornata con nuove capacità e una base più ampia di computer infetti.


L'integrazione di sicurezza e performance con Robert Blumofe, EVP & CTO, Akamai

Podcast sui visionari IT
8 febbraio 2022

Vi siete mai chiesti cosa significa realmente Zero Trust per le reti e le applicazioni? O cosa pensa il CTO di Akamai sul nostro obiettivo di "potenziare e proteggere la vita online"? O ancora come gli algoritmi che hanno condotto alla fondazione di Akamai riescano a supportare le nostre attività relative alla sicurezza informatica? Robert Blumofe discute di questi aspetti e molto altro nel podcast sui visionari IT di Mission.org.


Come possiamo proteggere i nostri acquisti: perché il retail è il principale settore preso di mira dai criminali

Total Retail
3 febbraio 2022

Con la pandemia, lo shopping si è spostato quasi interamente su Internet, portando con sé anche un aumento delle attività criminali. Il motivo principale per cui gli autori degli attacchi si concentrano sul settore del retail consiste nel fatto che hanno trovato un modo per monetizzare facilmente sugli account dei clienti. A questo punto, potreste chiedere: "Su cosa dovrei concentrarmi?". Questo articolo descrive i settori presi di mira dai criminali e le best practice usate per contrastare due comuni strategie che hanno portato al furto e alla violazione di informazioni di identificazione personale (PII), fenomeni di credential stuffing e attacchi ai client.


Robert Blumofe parla di ransomware, sicurezza durante la pandemia, metaverse

Podcatst IoT Time
Gennaio 2022

Robert "Bobby" Blumofe di Akamai spiega il motivo per cui la recente impennata di attacchi non è solo un fuoco di paglia, i cambiamenti nello scenario di sicurezza durante la pandemia, senza reinventare la ruota, cosa significa il metaverse per lui e molto altro.


La pirateria in Internet è in ascesa, dicono i ricercatori

VICE
28 gen 2022

La pandemia ha portato un picco della pirateria nel 2020. Secondo alcuni rapporti dei ricercatori sulla sicurezza,il 2021 è stato un altro anno di crescita per la pirateria online. Come già notato da TorrentFreak, i nuovi rapporti dei gruppi di ricerca Akamai e MUSO hanno rivelato che gli utenti hanno visitato siti pirata per un totale di 132 miliardi di volte nei primi mesi del 2021, un incremento del 16% rispetto all'anno precedente.


Questi sono stati i titoli più piratati nel 2021

Fortune
26 gen 2022

In base ai dati, possiamo vedere che la stragrande maggioranza dei consumatori (61,5%) accede direttamente a contenuti contraffatti," ha dichiarato Akamai nel rapporto. "Per alcune persone, poiché non si parla di contenuti fisici, il download di una copia o il ristreaming di un evento non vengono percepiti come atti di furto. … Le persone che la pensano così dimenticano che per la produzione di eventi o contenuti sono necessari anche milioni di dollari e le fonti di reddito di centinaia di persone (che spesso guadagnano stipendi di medio livello) subiscono l'impatto diretto della pirateria.


Cosa aspettarsi dalla tecnologia NaaS (Network-as-a-Service)

Elaborazione di rete
25 gen 2022

Per la gran parte delle imprese, nessun altro modello ha senso, ha affermato Robert Blumofe, Executive Vice President e CTO di Akamai Technologies, che si occupa di rete per la distribuzione dei contenuti, sicurezza informatica e servizi cloud. "Quante imprese dispongono davvero delle competenze necessarie per costruire e gestire le proprie reti?" ha domandato. Per molte organizzazioni, la tecnologia NaaS è di gran lunga la migliore opzione, ha aggiunto Blumofe. "I servizi di reti private tradizionali sono in calo, mentre i nuovi modelli basati sull'accesso sono in crescita."


I ricercatori descrivono un falso schema Amazon in cui le truffe approfittano della "febbre delle criptovalute"

SC Magazine
21 gen 2022

Giovedì, i ricercatori hanno segnalato di aver individuato continue campagne di attacchi informatici che sfruttavano la cosiddetta "febbre delle criptovalute" tra gli investitori, tra cui il più notevole è stato un annuncio su un falso sito CNBC che invitava la gente a investire in un token digitale Amazon.

In un post del blog del 20 gennaio, i ricercatori Akamai affermavano che la truffa giocava direttamente sulla paura delle vittime di perdere un'offerta a tempo limitato di investire in una nuova, sebbene falsa, criptovaluta. I ricercatori hanno affermato che la truffa approfittava degli orientamenti più recenti e dell'aumentata tolleranza al rischio per l'investimento in criptovalute, e spingeva le vittime a rivelare le proprie credenziali. Akamai ha affermato che, una volta essere stata coinvolta, la vittima veniva reindirizzata a un sito Web fraudolento ben progettato e funzionale, dove pagava per la falsa criptovaluta. La truffa chiedeva alle vittime di usare i bitcoin per pagare dei falsi token.


La Casa Bianca sta organizzando un summit sulla sicurezza open-source con i giganti della tecnologia

Protocol
13 gen 2022

Giovedì la Casa Bianca incontrerà le principali aziende tecnologiche per un summit sulla sicurezza open-source, in seguito alle recenti vulnerabilità riscontrate nel popolare framework di registrazione open-source Log4j. Meta, Google, Apple, Amazon, Microsoft, GitHub e The Apache Software Foundation figurano tra le aziende partecipanti.

Secondo CyberScoop, altre aziende invitate includono Akamai, Cloudflare, IBM, Linux Open Source Foundation, Oracle, Red Hat e VMware.


Il potente viaggio alla scoperta dello scopo della vostra azienda

Forbes
3 gen 2022

Ma in cosa consiste lo "scopo"? Perché è importante? In che modo un'azienda può scoprire qual è il proprio scopo? E come possono fare le aziende per realizzare quello scopo?

Quando sono diventato CMO di Akamai, mi sono prefisso di creare una campagna a impatto globale per mostrare il nostro lavoro e le possibilità che crea. Quello che mi è stato subito chiaro era che, per parlare in modo autentico di ciò che rendiamo possibile, dovevamo prima avere le idee chiare sui motivi per cui la nostra azienda esiste e su ciò che il nostro lavoro rende possibile.


I truffatori finanziari trovano nuove strade per imbrogliare le persone anziane

SC Magazine
8 dicembre 2021

"La frode dei servizi finanziari tra gli anziani è un problema pressante, proprio come le telefonate relative a lotterie e altre truffe, il cui scopo ultimo è mettere le mani sulle risorse finanziarie di una popolazione vulnerabile", afferma Steve Winterfeld, responsabile della cybersicurezza globale e dei servizi edge di Akamai. Dal momento che le persone anziane hanno maggiori probabilità di possedere risparmi e conti d'investimento più grandi, avere una casa di proprietà e disporre di beni di valore, rappresentano gli obiettivi ideali dei criminali informatici scaltri.

"Inoltre, per coloro che navigano in Internet, non c'è da sorprendersi se gli attacchi di phishing ai servizi finanziari si stanno diffondendo più ampiamente rispetto ad altre fasce d'età", dichiara Winterfeld. Come conseguenza, molti clienti FSI di Akamai stanno implementando le soluzioni tecniche di mitigare le frodi e lanciare iniziative educative volte a incoraggiare i clienti a non riutilizzare le vecchie password e a non fare clic sui link, ma piuttosto visitare il sito Web ufficiale di un'azienda e accedere direttamente.


I "bot Grinch" si stanno accaparrando i popolari regali di Natale

ABC News
8 dicembre 2021

Becky Worley esamina il modo con cui i programmi informatici si stanno avventando sui prodotti più in voga prima che le persone possano acquistarli.


Siete colpevoli di queste 8 cattive abitudini in termini di sicurezza della rete?

ThreatPost
6 dic 2021

Si dice che il primo passo per risolvere un problema grave è quello di ammettere di avere un problema. E ciò vale anche per la sicurezza della rete.

La continua esplosione di eventi ransomware e violazioni (molti dei quali il pubblico non ha mai sentito parlare) sta elevando la sicurezza della rete alla massima priorità di un'azienda. Ai dipendenti viene ricordato costantemente di cambiare le loro password con frequenza, di stare attenti agli attacchi di phishing e di rispettare rigidi criteri di sicurezza. Tuttavia, le aziende stanno ignorando le pratiche e gli approcci quotidiani che compromettono le tecniche di protezione tradizionali e aumentano il rischio di una violazione.

Per aiutarvi a focalizzarvi nuovamente, saltiamo le best practice sulla sicurezza della rete; analizziamo, invece, il lato oscuro e consideriamo le cattive abitudini. Ricordatevi, non si tratta di raccomandazioni, ma di segnali di attenzione.


In che modo la crisi della catena di approvvigionamento sta influendo sulla lista dei regali di Natale

Good Morning America
5 dic 2021

Genitori disperati si rivolgono ai bot per fare i loro acquisti di Natale in tempo.


Cosa si nasconde dietro il servizio di streaming di maggior successo sul pianeta

The Verge
17 nov 2021

La maggior parte dei principali servizi di streaming si affida a CDN (reti per la distribuzione dei contenuti) di terze parti per trasmettere i loro video, ecco perché la rete di server di Netflix è così esclusiva. Senza un sistema come Open Connect o una CDN di terze parti, una richiesta di contenuto da un ISP deve "attraversare un punto di peering e, forse, transitare per quattro o cinque altre reti fino ad arrivare alla fonte o al luogo in cui risiede il contenuto", racconta a The Verge Will Law, Chief Architect del gruppo Media Engineering di Akamai, una delle più importanti reti distribuzione dei contenuti. Tutto questo processo non solo ritarda la distribuzione, ma è anche costoso perché gli ISP potrebbero dover pagare per accedere al contenuto.


Il mondo remunerativo dei rivenditori di console

WIRED
16 nov 2021

"In linea di massima, i rivenditori fanno di tutto per assicurarsi che l'acquirente legittimo, o il suo cliente, possa effettivamente acquistare da loro", afferma Patrick Sullivan, CTO del reparto Security Strategy di Akamai, che si occupa di cybersicurezza globale e servizi edge. "Non c'è quell'atteggiamento spietato del "Non ci importa chi riesce ad accaparrarselo", se si tratta di un operatore bot che ricarica sul prezzo, a noi non importa". C'è, invece, una legittima preoccupazione da parte della maggior parte dei retailer. Stanno lavorando sodo per impedire ai bot di consumare tutto l'inventario".


Akamai mette insieme sicurezza delle applicazioni web e delle API

DevOps.com
11 nov 2021

Questa settimana, Akamai Technologies, Inc. ha lanciato un servizio che consolida il processo di protezione delle applicazioni Web e delle API (Application Programming Interface).

Amol Mathur, Vice President of Product Management e Strategy di Akamai, ha affermato che, con il lancio di App & API Protector , il provider di servizi per la sicurezza gestiti aiuta i team IT ad abbracciare più facilmente le best practice DevSecOps tramite un servizio WAAP (Web Application and API Protection) convergente piuttosto che tramite strumenti e servizi separati per proteggerli singolarmente.


Utili Akamai, fatturato vincente nel terzo trimestre

Investing.com
2 nov 2021

Akamai (NASDAQ:AKAM) ha comunicato martedì gli utili del terzo trimestre , che hanno battuto le previsioni degli analisti, e il fatturato, che ha superato le aspettative.


Quando è troppo tardi per acquistare i regali online più in voga?

The Wall Street Journal
31 ott 2021

In tempi disperati si ricorre ai bot: alcuni bravi ragazzi, e altri meno bravi, stanno distribuendo bot di shopping che possono effettuare automaticamente acquisti online prima di dire: "Vai alla cassa". L'attività dannosa dei bot, che include i bot che accedono ed effettuano acquisti dai siti retail, è aumentata del 19% dal 4 settembre al 26 ottobre, secondo l'azienda di servizi per le reti Akamai. Sconsiglio di provarli. L'uso di un bot potrebbe violare le condizioni del servizio di un negozio e il retailer potrebbe limitare l'accesso al vostro account. Inoltre, i bot richiedono competenze di codifica.


Akamai: Gli attacchi alle API stanno esponendo le vulnerabilità della sicurezza

VentureBeat
27 ott 2021

La maggior parte delle organizzazioni utilizza le API (Application Programming Interfaces) in qualche modo e i criminali informatici lo hanno notato e stanno prendendo di mira queste API. Questo secondo il più recente rapporto sullo Stato di Internet degli esperti di sicurezza di Akamai.


I criminali informatici intensificano gli attacchi alle API web

Dark Reading
27 ott 2021

Gli attacchi alle applicazioni web continuano a crescere, con la maggior parte delle attività dannose concentrate sulle Application Programming Interfaces, o API Web, segnalano i ricercatori.

La scoperta, comunicata il 27 ottobre da Akamai, una società che si occupa di sicurezza in Internet, segnala la crescente superficie di attacco rappresentata dalle API Web. I ricercatori non distinguono, in effetti, gli attacchi alle applicazioni web e gli attacchi sferrati in modo specifico usando le API Web, ma sostengono che il numero crescente di attacchi alle applicazioni web avvengono tramite le API esposte dai server delle applicazioni. I tre principali vettori di attacco web (SQL Injection, Local File Inclusion e Cross-Site Scripting) rappresentano circa il 95% di tutti gli attacchi web, che spesso sono sferrati tramite le API, secondo il rapporto Akamai.


Potreste dover competere con i bot per acquistare i regali di Natale

Bloomberg BusinessWeek
25 ott 2021

Con le catene di approvvigionamento soffocate, le problematiche un tempo riservate agli appassionati di sneaker sembra che si stiano diffondendo. L'uso dei bot si è diffuso e ampliato durante l'intera pandemia del Covid-19, secondo Patrick Sullivan, Chief Technology Officer delle strategie di sicurezza di Akamai Technologies Inc., uno dei più grandi provider di servizi per la sicurezza e altri servizi di rete. "Gli acquirenti tentano di saltare la coda e sfruttare l'automazione per accaparrarsi tutti gli articoli che hanno una disponibilità limitata", afferma. "Prima si trattava solo dei biglietti dei concerti, poi si è passato a portafogli e scarpe da tennis, ora siamo alle prenotazioni dei vaccini e altri articoli d'uso più comune".


Quale nuovo lavoro verrà introdotto (o mantenuto) in questo settore a causa della pandemia?

Protocol
21 ott 2021

La pandemia ha completamente cambiato il modo in cui pensiamo a dove lavoriamo e allo scopo dell'ufficio. Ciò significa che l'ufficio è passato dall'essere il posto di lavoro a un posto di lavoro. L'ufficio del futuro sarà un bar privato con un'eccellente connessione Wi-Fi, un posto in cui cerchiamo collaborazione e interazione sociale. In un certo senso, la pandemia ha accelerato una trasformazione digitale che era già in atto, ma ciò che avrebbe richiesto decenni è diventato realtà in pochi mesi o anni. Questo rapido cambiamento implica anche tutta una serie di sfide per le reti e la sicurezza che, anche se esistevano già prima, devono essere urgentemente affrontate per garantire che il primo ambiente lavorativo ibrido aiuti la produttività e limiti le possibilità per i malintenzionati.


Pacchetto JavaScript individuato in oltre il 25% dei siti dannosi

Dark Reading
20 ott 2021

La tecnica di offuscamento in JavaScript continua ad essere un metodo favorito dagli autori di attacchi informatici per intrufolarsi nelle difese e distribuire un gran numero di payload. Tuttavia, perfino un buon metodo per segnalare la presenza dell'offuscamento di packer JavaScript non è un metodo di rilevamento infallibile, perché anche un piccolo numero di siti Web usa l'offuscamento per fini legittimi, come dimostra la ricerca.

Questa settimana, Or Katz, Principal Lead Security Researcher di Akamai, ha pubblicato un'anteprima dei risultati della ricerca che presenterà durante l'imminente conferenza SecTor 2021 , in cui discuterà di quello che definisce un metodo "pigro" ma altamente performante ed economico per rilevare i comuni modelli di packer JavaScript.


Gli hacker stanno nascondendo il loro codice JavaScript dannoso con un metodo infallibile

ZDNet
20 ott 2021

Più del 25% del codice JavaScript dannoso viene offuscato dai cosiddetti "packer", un metodo di software packaging che ha offerto agli aggressori un modo per evitare il rilevamento basato su firma, secondo Akamai, provider di soluzioni per la sicurezza e CDN (rete per la distribuzione dei contenuti).


Tenere a bada i pirati

TV Technology
15 ott 2021

"La possibilità di attacchi informatici è elevata, in quanto il rischio di interruzione di questi rilasci digitali aumenta durante gli eventi ad alto profilo, soprattutto se un film è disponibile per il download e lo streaming contemporaneamente all'uscita nei cinema", dichiara Eric Elbaz, Strategic Engagement Manager del settore Broadcasting Media di Akamai. "Pirati e autori di minacce sono opportunisti e sfruttano i rilasci ad alto profilo per massimizzare l'impatto e il ritorno sugli investimenti. Le aziende devono stare attente a questa tendenza e agire in modo da mitigare i rischi".


L'era degli CEO onniscienti è finita, secondo gli stessi CEO

CNBC.com
7 ott 2021

Ci sono chiari benefici, secondo Tom Leighton, CEO di Akamai Technologies, il quale ha dichiarato che "molti" dipendenti della sua azienda lavoreranno da casa "per sempre." Inoltre, ha aggiunto che "trascorrere il tempo sul tapis roulant anziché sui mezzi di trasporto è più salutare".


Quando ho imparato tutto sulla leadership dal mio leggendario nonno comico

Fast Company
7 ott 2021

Jack era mio nonno e non riesco a pensare a un modello migliore. Per quanto possa sembrare non convenzionale, ho imparato che esistono molti parallelismi tra l'approccio unico alla commedia di mio nonno e la leader aziendale. Tuttavia, lavoravo già da un bel po' come esperto di tecnologia quando ho riconosciuto questi parallelismi. Fin dalla tenera età ero un appassionato di scienza e matematica e pensavo: "Cosa potrebbe insegnarmi un comico riguardo alla mia carriera futura?" A quanto pare, la risposta è: "Molto".


Akamai acquisisce Guardicore con un accordo tecnologico Zero Trust da 600 milioni di dollari

SecurityWeek
29 set 2021

Akamai ha affermato che l'accordo aggiungerà nuove funzionalità per aiutare a contrastare gli attacchi ransomware bloccando la diffusione del malware in un'azienda già compromessa.

Guardicore, con sede a Tel Aviv, Israele, è una startup in fase avanzata che ha guadagnato un totale di 106 milioni di dollari su più cicli di finanziamento fin dal suo lancio, avvenuto nel 2013.


Akamai ha siglato un accordo da 600 milioni di dollari per acquisire la startup della microsegmentazione Guardicore

Silicon
29 set 2021

Akamai Technologies Inc. ha dichiarato oggi di aver siglato un accordo da 600 milioni di dollari per acquisire Guardicore Ltd., una startup con sede a Tel Aviv che dispone di una piattaforma di microsegmentazione per la protezione delle reti aziendali. 

La microsegmentazione è un popolare approccio per limitare l'impatto degli attacchi informatici. Spesso, le violazioni di dati iniziano con una singola applicazione compromessa. Gli hacker sfruttano questa applicazione compromessa per diffondere il malware su altri carichi di lavoro tramite la rete aziendale, in un processo noto come movimento laterale. La microsegmentazione blocca il movimento laterale isolando i carichi di lavoro uno dall'altro, impedendo agli hacker di usare un sistema violato per mirare ad altre risorse IT sulla stessa rete.


Cosa fare e cosa non fare per la gestione dei rischi del ransomware nel settore sanitario

Healthcare IT News
8 settembre 2021

Steve Winterfeld, Advisory Chief Information Security Officer presso il fornitore di funzionalità di rete per la distribuzione dei contenuti e la sicurezza Akamai, si occupa di studiare gli attacchi di ransomware nel dettaglio. A seguito delle sue ricerche, ha assemblato un elenco delle cose da fare e da non fare per le organizzazioni sanitarie che desiderano difendersi dal ransomware. Healthcare IT News ha parlato con Winterfeld, il quale è convinto che l'utilizzo del modello cyber kill chain per interrompere gli attacchi di ransomware sia il modo migliore per fermarli, per discutere cosa fare e cosa non fare a vantaggio dei CISO e dei CIO dei provider e di altri leader di sicurezza informatica e IT nel settore sanitario.


Sfide relative alla sicurezza informatica

TechStrong TV
7 settembre 2021

Il Dr. Blumofe offre il suo punto di vista su alcune delle importanti sfide relative alla sicurezza informatica che le organizzazioni stanno affrontando oggi e affronteranno domani, e su come Akamai si sta preparando.


Frodi umane: individuatele prima che individuino voi

ThreatPost
6 settembre 2021

Nel mio ultimo blog, mi sono concentrato sulle fasi iniziali della kill chain per il controllo degli account (ATO) (ricognizione, sofisticazione e consegna) e sul modo in cui gli autori degli attacchi sfruttano vari strumenti e tecniche per offuscare l'attività dei bot mentre acquisiscono e testano le credenziali tramite l'automazione. Dopo la sofisticazione, gli autori delle minacce possono decidere se vendere gli elenchi combinati convalidati a un'altra gang di criminali oppure proseguire con la kill chain ATO, passando alle fasi di sfruttamento e azione.


I CIO affermano che le spedizioni di PC sono in ritardo di mesi

The Wall Street Journal
31 agosto 2021

Il CIO di Akamai Technologies Inc. Mani Sundaram ha dichiarato che l'azienda di servizi di rete di Cambridge, Mass. non sta notando alcun ritardo significativo dei suoi ordini. Sundaram ha sentito di aziende che non hanno ancora ricevuto i PC ordinati e ha affermato che uno dei motivi per cui Akamai sta riscontrando minori difficoltà può essere il fatto che l'azienda collabora con una varietà di fornitori. L'azienda, con 9.000 dipendenti, effettua ordini per circa 1.000 unità ogni sei mesi, più o meno, ben in anticipo sulle reali esigenze, ha dichiarato.


In che modo il ransomware colpisce l'economia sommersa

CSO
31 agosto 2021

"Il modo in cui lo descrivo è il seguente: voi avete il mondo aziendale che tutti conosciamo. I criminali ne hanno uno parallelo, tipo il Sottosopra di Stranger Things. È esattamente lo stesso mondo, solo più oscuro e contorto," Steve Ragan, Security Researcher di Akamai, dice ai CSO.


Economia sommersa: ricognizione, sofisticazione & consegna per il controllo degli account

Threatpost
30 agosto 2021

Con l'aumento degli attacchi per il controllo degli account (ATO), fermare i criminali nelle fasi iniziali della kill chain aiuterà gli addetti ai sistemi di difesa di oggi ad avere la meglio sulle campagne di frodi dirette. Comprendere come e dove questi attacchi vengono sferrati e la struttura di supporto sottostante agli ATO sono la chiave per definire i tipi di difesa da implementare per aiutare a ridurre i rischi per un'organizzazione, e i problemi associati, di compromissione degli account dei clienti. Diamo uno sguardo da vicino alle prime fasi della kill chain (ricognizione, sofisticazione e consegna) per esaminare il modo in cui i criminali radunano le credenziali divulgate e convalidano questi dati per estrarre valore dagli account ai quali hanno ottenuto l'accesso per la monetizzazione.


Come combattere l'esaurimento tra gli sviluppatori di software

CIO Dive
26 agosto 2021

Lo scorso anno, un grande cambiamento nelle operazioni ha amplificato il problema, in quanto il lavoro da remoto ha eliminato le attività in presenza della cultura aziendale.>/p>

"Quando le persone hanno iniziato a lavorare da casa tutto il tempo, hanno fatto fatica a identificare i limiti tra vita professionale e vita lavorativa," ha affermato Bobby Blumofe, CTO di Akamai. "Si sono trovati a lavorare a qualsiasi ora e a non essere in grado di tracciare quella linea."


Le API di Akamai "accelerano" il gioco dell'edge degli sviluppatori

ComputerWeekly
23 agosto 2021

Sebbene il nome Akamai potrebbe benissimo essere quello di un'azienda giapponese di videogiochi, si tratta, in effetti, di un'azienda che si occupa di reti per la distribuzione di contenuti (CDN) incentrata sui servizi cloud e sulle tecnologie di sviluppo delle applicazioni informatiche e software.

Le aree di specializzazione di Akamai includono lo spazio "edge computing", popolato da dispositivi che compongono l'IoT (Internet of Things).

I miglioramenti all'Akamai Edge Platform di quest'anno includono un livello di utilizzo gratuito, l'accesso rapido ai dati e l'accelerazione del traffico delle API.


Il traffico di streaming di UEFA Euro 2020 ha superato quello delle Olimpiadi

TV Technology
16 agosto 2021

"Nella battaglia dello streaming tra i due più grandi eventi sportivi dell'estate 2021, il Campionato europeo di calcio UEFA può reclamare il primo posto per il traffico di picco e il numero di ore di streaming, secondo Akamai.

Il traffico di streaming di picco delle partite degli europei della UEFA ha raggiunto i 35 Tbps l'11 luglio, durante il match tra Italia e Inghilterra, più di tre volte il traffico di picco di 10 Tbps del 7 agosto per le Olimpiadi, secondo un post del blog di Cory Sakakeeny, il principale Technical Project Manager di Akamai."


I numeri dello streaming delle Olimpiadi di Tokyo sono raddoppiati rispetto a quelle di Rio del 2016: Akamai

ZDNet
18 agosto 2021

"Akamai ha rivelato alcuni numeri di streaming correlati alle Olimpiadi di Tokyo, che sono terminate l'8 agosto, dichiarando che i giochi più recenti hanno superato di molto l'interesse suscitato nel 2016 dalle Olimpiadi di Rio.

Cory Sakakeeny, il principale Technical Project Manager di Akamai, ha scritto sul blog un post riguardo all'ultimo giorno completo della competizione di Tokyo, con 35 diverse medaglie assegnabili, che ha visto il più elevato traffico di streaming video per più di 30 clienti sull'Akamai Intelligent Edge Platform."


5 minuti con Bobby Blumofe di Akamai

Security Magazine
20 luglio 2021

"Il Dr. Bobby Blumofe, Chief Technology Officer di Akamai, discute dei modelli di sicurezza Zero Trust e di come influiscono sul morale dei dipendenti.

Sicurezza: Quali sono il suo background e il suo ruolo attuale?

Dr. Blumofe: Sono stato nominato Chief Technology Officer di Akamai lo scorso marzo. Dopo aver trascorso quasi 22 anni in Akamai, di recente ho ricoperto i ruoli di General Manager della Enterprise Division e di Executive Vice President della Platform Division, che includevano la responsabilità della piattaforma Akamai, della sicurezza delle informazioni e della gestione interna dell'IT. Prima di entrare in Akamai, ho conseguito un dottorato in Informatica presso il MIT e ho ricoperto il ruolo di assistente universitario presso la University of Texas."


In che modo i dati degli attacchi contro il settore gaming aiutano i sistemi di difesa in più settori

Dark Reading
14 luglio 2021

"Il CD Projekt Group ha trascorso sei mesi orribili.

A dicembre, la società di videogame aveva lanciato il suo attesissimo Cyberpunk 2077 con bug significativi, soprattutto per il sistemi non PC, guadagnandosi meme virali e alcune recensioni feroci. A febbraio, mentre era impegnata a correggere ampi difetti nel gioco, gli hacker hanno rubato il codice sorgente e i dati crittografati, costringendo l'azienda a ""raggiungere un accordo"". Infine, lo scorso mese, il CD Projekt ha rivelato che i suoi dati interni (inclusi i dettagli su dipendenti e appaltatori attuali e precedenti) stanno circolando in Internet."


I rapporti dimostrano che i criminali informatici continuano a oltrepassare i limiti.

BizReport
12 luglio 2021

"Due nuovi rapporti evidenziano attacchi continui dei criminali informatici nello spazio digitale. Dal credential stuffing al phishing, questi criminali continuano a prendere di mira non solo consumatori ma anche aziende e sviluppatori.

Ad esempio, i ricercatori di Armorblox hanno scoperto alcuni malintenzionati che sfruttavano servizi legittimi del sito di hosting GoDaddy per sferrare un attacco di credential phishing. I truffatori usavano una falla per sferrare il loro attacco alla sicurezza di Google Workspace, dicendo ai clienti che il loro profilo Paypal era incompleto e visualizzando un link fasullo per raccogliere le loro informazioni finanziarie.

L'attacco usava l'impersonificazione del brand e il social engineering per intrufolarsi nei flussi di lavoro esistenti e per ingannare le persone."


Akamai sceglie Boaz Gelbord come nuovo Security Chief

SecurityWeek
14 giugno 2021

"Il gigante della sicurezza sull'edge e della distribuzione dei contenuti Akamai Technologies ha affidato a Boaz Gelbord la guida del suo programma di sicurezza informatica.

Gelbord, un Chief Information Security Officer (CISO) veterano che, in precedenza, aveva gestito la sicurezza informatica di Dunn & Bradstreet e Bloomberg LP, sostituisce il dirigente Akamai di lunga data Andy Ellis, che ha lasciato l'azienda nel mezzo di un'importante ristrutturazione, nei primi mesi di quest'anno.

Akamai ha dichiarato che Gelbord assumerà la responsabilità diretta della sicurezza informatica, della conformità della sicurezza delle informazioni e della protezione dei sistemi, dei dati e dei dipendenti di Akamai."


Forum russi clandestini offrono concorsi a premi per sferrare attacchi a criptovalute ed NFT.

ZDNet
2 giugno 2021

"I criminali informatici sono stati sollecitati clandestinamente a offrire tecniche per compromettere i servizi delle criptovalute.

Gare sulla sicurezza informatica (Capture-the-Flag), call for papers per conferenze e corsi sulla gamification della sicurezza informatica progettati per offrire agli studenti competenze pratiche sono tutti aspetti comuni al mondo dei white hat ma, al contrario, anche i criminali informatici hanno lanciato dei concorsi con lo scopo di creare nuove tecniche offensive.

Nel mese scorso, secondo Intel 471, degli operatori dei forum russi clandestini hanno lanciato una competizione in cui venivano chiesti documenti che esaminassero ""come prendere di mira la tecnologia correlata alle criptovalute."""


Gli hacker di SolarWinds colpiscono ancora, prendendo di mira più di 150 organizzazioni negli USA.

Channel Futures
28 maggio 2021

"È chiaro che gli Stati Uniti sono uno dei principali obiettivi dei malintenzionati. I famosi hacker di SolarWinds sono tornati, e questa volta hanno preso di mira circa 3.000 account email di oltre 150 organizzazioni diverse.

Questo secondo Microsoft. Le organizzazioni statunitensi sono vittime del più grande numero di attacchi, ma gli illeciti colpiscono almeno 24 paesi."


Come funzionano gli attacchi alle API e come identificarli e prevenirli

CSO
21 maggio 2021

"All'inizio di maggio, la società di fitness Peloton ha annunciato di aver esposto i dati degli account dei clienti su Internet. Chiunque poteva accedere ai dati degli account degli utenti dai server di Peloton, anche se gli utenti avevano impostato il proprio profilo su privato. La causa: un'API difettosa che aveva accettato richieste non autenticate.

Le API (Application Programming Interface) consentono una facile comunicazione tra i computer. L'utilizzo delle API ha visto un'enorme crescita di recente. Secondo Akamai, oggi le comunicazioni tramite API rappresentano più dell'83% del traffico Internet.

Sono anche la causa di molti problemi di sicurezza. Oltre a Peloton, altre società che recentemente hanno avuto problemi di sicurezza informatica correlati alle API includono Equifax, Instagram, Facebook, Amazon e Paypal."


Akamai rileva la presenza di truffatori che mirano alle dichiarazioni dei redditi

BizReport
14 aprile 2021

"A partire dalla pandemia del 2020, molti truffatori hanno iniziato a concentrarsi sulle tasse degli americani. Secondo Akamai, quasi la metà degli attacchi web è stata osservata tra il 17 giugno e il 29 luglio, il periodo di riscossione delle tasse. Le scadenze fiscali erano state estese a causa dello scoppio della pandemia del COVID-19 e sono state prolungate anche quest'anno, spingendo gli esperti in sicurezza ad avvisare i consumatori a prestare particolare attenzione agli attacchi di phishing e malware.

Perché gli attacchi si concentrano sulle date delle scadenze fiscali?"


Si prevede che quest'anno la spesa IT globale aumenterà dell'8,4%, per un totale di 4,1 trilioni di dollari

The Wall Street Journal
8 aprile 2021

Presso il provider di servizi per la sicurezza informativa e le reti Akamai Technologies Inc., il budget IT di quest'anno include la spesa su tecnologie che supportino una sicurezza, una mobilità e una collaborazione ottimizzate, "proseguendo nel nostro impegno nei confronti della migrazione nel cloud e di altri progetti chiave," ha affermato Mani Sundaram, Executive Vice President e CIO.


Salesforce aggiorna Vaccine Cloud con la registrazione e la pianificazione asincrone

ZDNet
8 aprile 2021

Salesforce sta aggiornando il suo Vaccine Cloud per consentire alle persone di pre-registrarsi per ricevere il vaccino e di essere avvisati quando è disponibile un appuntamento. L'aggiornamento gratuito di Vaccine Cloud è stato ideato per eliminare l'aggiornamento costante della pagina richiesto per ottenere l'appuntamento per il vaccino contro il COVID-19 e per creare un sistema più scalabile, in quanto le vaccinazioni sono aperte a tutti a partire dal 19 aprile. Salesforce si basa su un processo diverso rispetto a quello che Akamai sta facendo con le sale di attesa per la registrazione e gli appuntamenti per il vaccino. L'approccio di Akamai migliora la registrazione sincrona, laddove la registrazione asincrona e l'approccio alla pianificazione di Salesforce mirano a spostare nel tempo il processo. Tuttavia, gli obiettivi sono gli stessi: rendere più ordinata e scalabile la coda per i vaccini.


Akamai ha mitigato l'attacco DDoS più esteso al mondo, con un picco di 800 Gbps

TechDator
1 aprile 2021

"Akamai dichiara di aver fermato il più grande attacco DDoS di tutti i tempi, con un picco di 800 Gbps, diretto a uno dei suoi clienti. Gli autori degli attacchi sembrano aver usato una nuova tecnica DCCP (Datagram Congestion Control Protocol) che ha reso gli attacchi efficaci e robusti. Inoltre, Akamai avvisa che gli attacchi DDoS che richiedono il pagamento di un riscatto stanno aumentando in modo molto rapido.

Finora, il DDoS (Distributed Denial of Service) è stato uno dei vettori di attacco preferiti dagli hacker. Questo metodo sfrutta i dispositivi connessi (botnet) per indirizzare tutto il traffico indesiderato verso il sito web (indirizzo IP) preso di mira e, infine, renderlo inutilizzabile a causa del carico eccessivo."


Akamai mette in guardia circa la vertiginosa impennata degli attacchi DDoS a scopo di estorsione

ZDNet
31 marzo 2021

Gli attacchi DDoS non sono affatto un fenomeno nuovo. Il primo mai registrato si è verificato 25 anni fa. Nel corso degli anni, società che spaziano da Sprint a E-Trade a Wikipedia sono state prese di mira da attacchi coordinati e dirompenti.

Tuttavia, più di recente gli autori delle minacce hanno sfruttato il DDoS come mezzo per estorcere pagamenti alle vittime. Mettere il sito web di un'azienda offline o impedire agli utenti di accedere a un servizio può essere estremamente costoso.

Akamai ha monitorato attacchi DDoS per oltre un decennio. Nel 2016 ne furono registrati più di 10.000, ma questo numero si ridusse della metà appena tre anni dopo. Ora sta crescendo di nuovo.


Akamai, Salesforce: lancio di uno strumento per le registrazioni di massa per il vaccino contro il COVID-19

Healthcare IT News
31 marzo 2021

Questa settimana, il fornitore di soluzioni di web performance e cybersicurezza Akamai Technologies ha annunciato di aver sviluppato uno strumento, basato sulla tecnologia Salesforce, per aiutare a scalare la distribuzione online dei vaccini contro il COVID-19.

Vaccine Edge è stato sviluppato utilizzando Vaccine Cloud di Salesforce per aiutare a ottimizzare i processi di registrazione e accesso quando l'elevata domanda mette a dura prova i siti web.

"I cittadini necessitano di informazioni accurate e aggiornate sull'idoneità alla vaccinazione e sulla logistica per la prenotazione di un appuntamento", ha dichiarato Mani Sundaram, Chief Information Officer di Akamai.


Tavola rotonda sull'edge computing di Akamai: gli esperti intervengono sulle tendenze emergenti nell'edge

TechRepublic
30 marzo 2021

Una discussione sull'effetto della pandemia su Internet è stata l'argomento principale dell'Akamai Edge Council Round Table di giovedì. "Le esperienze degli utenti sono cambiate online," ha affermato Dan Rayburn, un esperto di rete per la distribuzione dei contenuti e lo streaming media, ma quello che è di importanza critica è l'integrazione dell'applicazione delle tecnologie digitali con le esperienze umane che non possono essere cambiate e fatte di persona. "Ci riuniremo di nuovo" in conferenze, eventi sportivi, programmi dal vivo e molto altro.

"È incredibile pensare a tutti i cambiamenti che abbiamo visto", dichiara Rayburn. "E non c'è bisogno che ve lo dica." Le aziende, continua, hanno imparato a "sfruttare davvero quello che stanno facendo sull'edge."

La pandemia ha introdotto "nuove schiere di consumatori" alle transazioni online, ha affermato Lelah Manz, Senior Vice President, Edge Product e Business Strategy di Akamai, il quale ha aggiunto che prima del 2020, Amazon si stava espandendo nel Nord America e dominava il commercio. Tuttavia, mentre Amazon ha riscontrato una crescita continua, "abbiamo visto una grande quota di commercio indirizzarsi verso altri brand, il che significa che questi nuovi brand hanno sfruttato il fatto che nuovi clienti si sono affacciati online. Sono apparsi e si sono affermati diversi brand di nicchia."


Akamai mira a migliorare le registrazioni online per il vaccino contro il COVID-19, integra Vaccine Edge con Vaccine Cloud di Salesforce

ZDNet
30 marzo 2021

Akamai Technologies lancia il suo Akamai Vaccine Edge, un sistema che gestirà le registrazioni online per i vaccini contro il COVID-19.

L'azienda ha dichiarato di aver sviluppato Akamai Vaccine Edge per Vaccine Cloud di Salesforce. Come sanno tutti coloro che si sono registrati per un appuntamento per il vaccino contro il COVID-19 , spesso si verificano errori nei sistemi di registrazione a causa delle troppe richieste simultanee.

Come fa per il media delivery e la sicurezza, Akamai utilizza la sua rete per mantenere i siti web operativi anche in caso di elevata domanda.

Vaccine Edge gestisce i carichi di lavoro delle registrazioni trasferendo gli utenti in una sala d'attesa quando i carichi sono troppo elevati. L'utente mantiene la propria posizione nella coda. Vaccine Edge è stato creato con una protezione da attacchi DoS (Denial-of-Service).


Akamai tocca un nuovo picco di traffico web di 200 Tbps

FierceVideo
24 marzo 2021

Akamai, un provider di rete per la distribuzione dei contenuti, sicurezza informatica e servizi cloud, ha registrato un nuovo massiccio picco di traffico web di 200 Tbps sulla sua rete la scorsa settimana.

"Ecco un altro modo per guardare la cosa: se una tazza di caffè equivale a 1 megabyte, 200 Tbps darebbero a tutti gli abitanti di New York City più di 180 tazze di caffè al minuto", ha scritto Adam Karon, General Manager, dell'Edge Technology Group di Akamai, in un post sul blog. Ha aggiunto che il nuovo picco di traffico della sua azienda rappresenta probabilmente "più dell'intera capacità di rete (nominale) di più concorrenti Akamai messi insieme".

È significativamente più alto del picco di traffico record di 181 Tbps che Akamai aveva segnalato durante l'ultimo trimestre del 2020.

Mentre la richiesta di streaming video è aumentata in maniera esponenziale, insieme alla necessità di download e sicurezza su larga scala, il traffico sulla rete CDN di Akamai ha raggiunto picchi elevati. L'azienda ha dichiarato che la prima volta che ha toccato 1 Tbps è stato nel giugno del 2008, poi 10 Tbps a settembre del 2012 e 100 Tbps a ottobre del 2019.


Nuovo vettore di attacco DDoS scoperto nel protocollo DCCP

The Record
23 marzo 2021

La società che si occupa di infrastrutture Internet Akamai ha dichiarato oggi di aver individuato autori di minacce che sfruttavano un protocollo di rete relativamente sconosciuto per arrestare in modo anomalo i server.

Gli attacchi DDoS (Distributed Denial of Service), che hanno colpito alcuni clienti dell'azienda, hanno sfruttato il protocollo DCCP (Datagram Congestion ControlProtocol), uno standard Internet approvato nel 2007.

Il protocollo era stato progettato come miglioramento per il più ampiamente usato UDP, completo di un meccanismo di congestione dei dati che consentisse alle applicazioni di verificare che i pacchetti vengano ricevuti correttamente nelle comunicazioni sensibili al fattore tempo, come le applicazioni in tempo reale, i giochi e le operazioni di streaming.


Akamai afferma che la sua soluzione anti-phishing colma le lacune della sicurezza correlate con le soluzioni MFA

CISO Magazine
22 marzo 2021

Akamai Technologies, un provider di soluzioni per la sicurezza informatica, ha annunciato oggi il lancio della soluzione Akamai MFA basata sul cloud per colmare le lacune esistenti nella tecnica di autenticazione multifattore, diventata una norma nel settore. Akamai MFA è una soluzione anti-phishing progettata per consentire alle aziende di implementare rapidamente la tecnologia di autenticazione multifattore basata sullo standard FIDO2 senza la necessità di implementare e gestire le chiavi di sicurezza hardware. La soluzione utilizza un'applicazione per smartphone che trasforma gli smartphone esistenti in una chiave di sicurezza hardware per offrire una user experience ottimizzata.


Le registrazioni online hanno reso l'implementazione del vaccino negli USA meno equa. Ecco come risolvere il problema

Fortune
18 marzo 2021

Per risolvere questo problema, gli esperti raccomandano sempre di più l'uso di "sale di attesa virtuali" per rendere il tutto più equo e ordinato.

"A tutti coloro che arrivano prima [dell'apertura di un blocco di appuntamenti] viene assegnato un posto in fila casuale", dichiara Niels Henrik Sodemann, CEO di Queue-it, specializzata nel ridurre le frodi relative alla vendita di biglietti online. "Dopodiché, vige il principio del primo arrivato, primo servito. L'idea è che, indipendentemente dalla velocità della tua linea, hai le stesse identiche opportunità di ricevere un numero basso". Questa settimana, Queue-it e la ditta di infrastrutture digitali Akamai hanno annunciato di aver collaborato per aggiungere sale di attesa alla piattaforma di gestione delle registrazioni Vaccine Edge di Akamai.


Akamai promuove l'autenticazione multifattore antiphishing

SDxCentral
18 marzo 2021

Akamai Technologies ha lanciato Akamai MFA, un prodotto antiphishing che consente alle aziende di implementare rapidamente la tecnologia Multi-Factor Authentication (MFA) basata sullo standard FIDO2 senza chiavi di sicurezza hardware. Il prodotto MFA utilizza, invece, un'app per smartphone.

Il motivo per cui molte imprese non usano l'autenticazione MFA che richiede un token di sicurezza fisico è che "è un processo troppo gravoso per essere sostenuto dagli utenti", ha affermato Tony Lauro, Director of Security Technology and Strategy presso Akamai. "Gli utenti non vogliono portare con sé un token di sicurezza e non sempre hanno dietro le loro chiavi [di sicurezza hardware] quando devono autenticare un'app. Così ci siamo chiesti: qual è quel token di sicurezza, quella chiave fisica, che tutti hanno in loro possesso e che portano sempre con sé? Il cellulare".


Una nuova e intelligente truffa di phishing ha preso di mira i newyorkesi disoccupati

CBS News
17 marzo 2021

Una nuova truffa tramite phishing ha preso di mira dei newyorchesi disoccupati, rubandone la patente di guida, i numeri di previdenza sociale e altre informazioni personali, per rivenderli nel "dark web". Ecco come funzionava: le vittime venivano adescate con messaggi di testo ed e-mail dall'aspetto autentico che indirizzavano a una copia fittizia del sito web per la disoccupazione dello stato di New York. Dopo che la vittima inseriva il proprio nome utente e la propria password, il sito fasullo chiedeva immagini in alta qualità dei loro documenti sensibili. In tal modo i criminali informatici ottenevano nome, indirizzo, numero di telefono, data di nascita, numero di patente, numero di previdenza sociale e indirizzo e-mail della persona. L'attacco di phishing è rimasto attivo per diverse settimane, secondo Steve Ragan, Security Researcher di Akamai Technologies che ha scoperto la truffa. I truffatori sono riusciti a rimanere anonimi nascondendo il falso sito web dietro a un server proxy, un dominio intermediario che mascherava l'indirizzo IP di origine.


La mia storia su CVE: come sono diventato il primo ricercatore sulla vulnerabilità del programma CVE CNA

Blog CVE
15 marzo 2021

L'autore Larry W. Cashdollar è un ricercatore delle vulnerabilità e il primo ricercatore del programma CVE CNA.

Ho scoperto la prima vulnerabilità nel 1999. Era dal 1994 che mi occupavo di sicurezza dei computer, in qualità di consulente presso la società di consulenze netMaine, ora sciolta. I miei compiti erano monitorare le nuove vulnerabilità pubblicate su Bugtraq e raccogliere gli exploit da catalogare ed eventualmente usare durante i nostri test di penetrazione. Ricordo che parlavo con il mio collega riguardo a come facessero le persone a individuare le vulnerabilità; come sapevano cosa cercare e dove cercare?

Nel 1998, delle migliori opportunità mi indussero a candidarmi come amministratore UNIX presso Computer Science Corporation. Questa posizione mi ha dato l'accesso a oltre 3.000 sistemi UNIX assortiti, che spaziavano da HP-UX a SGI IRX a IBM AIX. Il primo giorno, il mio nuovo manager mi ha portato nel laboratorio SGI, una stanza con 8-10 workstation SGI Indigo/2. Il manager mi ha detto che mi avrebbe fornito le credenziali di accesso dopo aver dimostrato le mie capacità. Avendo lavorato nel campo della sicurezza e avendo studiato le vulnerabilità di UNIX per diversi anni, sapevo che SGI IRIX aveva un account IP senza password, così mi sono semplicemente seduto a una delle workstation, ho digitato l'IP nella finestra di accesso e ho cliccato su Invio. Quando ha visto che ero in grado di accedere all'SGI, il manager mi ha offerto immediatamente un lavoro nel reparto sicurezza.


Netflix limita la condivisione della password: un indubbio vantaggio

Wired
12 marzo 2021

Il problema più grande è che, più diventa ampio il cerchio della password, più elevato è il rischio che la propria password venga compromessa. E, considerando quanto spesso le persone riutilizzano le password su più siti e servizi, ciò significa che l'esposizione si potrebbe estendere ben oltre Netflix.

"Poiché ho condiviso la mia password con te, e tu hai subito un attacco, quel criminale ora conosce la mia password", dichiara Steve Ragan, ricercatore presso la società di infrastrutture Internet Akamai. "E se ho usato quella password su altri siti, il criminale lo scoprirà e avrà accesso anche a quelli. Si diffonde. Il problema diventa più complesso".


Il modello Zero Trust aiuta a proteggere il passaggio al lavoro remoto

BetaNews
11 marzo 2021

Un nuovo rapporto di Akamai osserva i cambiamenti tecnologici e negli schemi di utilizzo del 2020 notando un salto percentuale del 30% nel traffico Internet, grazie ai lockdown causati dal COVID-19.

Akamai ha evidenziato, inoltre, come i criminali abbiano tratto vantaggio dalla situazione a livello globale, prendendo di mira tutti i settori e le industrie, tra cui l'IT e la sicurezza.

Tuttavia, i sistemi di difesa su più livelli di Akamai sono stati facilmente adattati all'ambiente del lavoro da remoto. Il modello Zero Trust ha consentito ai lavoratori remoti dell'azienda di svolgere ovunque le loro mansioni, offrendo, nel contempo, la dovuta protezione.


I portali per i vaccini subiscono problemi tecnici con l'aumento delle registrazioni da parte degli stati

The Hill
10 marzo 2021

Mani Sundaram, Executive Vice President e Chief Information Officer di Akamai, un'azienda che collabora con i governi locali per rendere più efficienti i siti web per i vaccini, ha dichiarato a The Hill che tali portali sono stati "migliorati" fin dall'inizio della loro implementazione, sul finire dello scorso anno.

"Penso che molti paesi e stati si stanno rendendo conto che devono investire di più nei loro siti web," ha affermato Sundaram, che in precedenza aveva collaborato con aziende private per aiutarle a prepararsi per le impennate di traffico in corrispondenza delle vendite del Black Friday o dei lanci dei prodotti.

"È stato un corso intensivo per molti dipendenti pubblici", ha affermato Sundaram.


La caratteristica più importante dei bitcoin è anche la loro minaccia essenziale

Wired
9 marzo 2021

GLI ESPERTI DI SICUREZZA HANNO scoperto di recente una botnet con una nuova difesa contro l'eliminazione. Normalmente, le autorità possono disabilitare una botnet assumendo il controllo del suo server Command and Control. Senza istruzioni a cui fare riferimento, la botnet diventa inutile. Ma bel corso degli anni, i progettisti delle botnet hanno escogitato dei modi per rendere più difficile questo contrattacco. Ora, il fornitore di reti per la distribuzione dei contenuti Akamai ha segnalato un nuovo metodo: una botnet che usa un blockchain ledger di bitcoin. Dal momento che il blockchain è globalmente accessibile e difficile da bloccare, gli operatori di botnet sembrano essere al sicuro.


Akamai è impegnata nell'edge computing da molto prima che si affermasse

FierceTelecom
8 marzo 2021

Akamai, con sede a Cambridge, in Massachusetts, è impegnata nell'edge computing da prima che si chiamasse così.

Akamai ha creato una piattaforma globale che offre servizi di delivery dei contenuti e di infrastruttura cloud. La sua piattaforma include più di 240.000 server ubicati in oltre 1.400 reti.

Secondo i suoi utili più recenti, il fatturato del ramo Edge Technology Group di Akamai è cresciuto del 4% di anno in anno, generando 2,14 miliardi di dollari del fatturato aziendale del 2020, ossia il 67% del fatturato totale del 2020.

Durante la giornata virtuale degli analisti organizzata da Akamai sul finire di febbraio, l'azienda ha evidenziato il suo obiettivo di far crescere il fatturato del suo ramo Edge Technology Group con un tasso di crescita annuale composito del 2%-5% nei prossimi 3-5 anni, secondo gli analisi di Cowen.


Perché bisognerebbe cambiare immediatamente le password per accedere agli account Frequent Flier

Forbes
6 marzo 2021

Durante la pandemia, mentre gli americani hanno trascorso più tempo a casa e meno tempo a viaggiare, i ladri informatici hanno preso sempre più di mira i programmi fedeltà che regalano miglia e punti, secondo un recente rapporto sullo "Stato di Internet" di Akamai Technologies, la piattaforma di sicurezza informatica globale.

Dopo i lockdown dovuti al Covid-19, iniziati nei primi mesi del 2020, Akamai ha notato un aumento degli account di programmi fedeltà venduti nel dark web. Tra luglio 2018 e giugno 2020, Akamai ha osservato più di 100 miliardi di attacchi di credential stuffing, con più di 63 miliardi indirizzati ai settori retail, viaggi e hospitality.


Promozione della sostenibilità ambientale nei team di sviluppo

SDTimes
4 marzo 2021

"Un'applicazione Internet è un killer silenzioso se si parla di emissioni di anidride carbonica e cose del genere. Quando uno sviluppatore scrive una linea di codice o aggiunge un'immagine o un tag di terze parti a una pagina, l'ultima cosa a cui pensa è l'impatto di quello che fa sull'efficienza energetica", ha dichiarato Michael Gooding, Manager of Solutions Engineering dell'area EMEA Akamai Technologies, un'azienda CDN che ha investito nella riduzione del proprio impatto ambientale e di quello dei suoi clienti.


Rakuten, Dish Network e Akamai tracciano il futuro dell'edge computing

LightReading
3 marzo 2021

Si parla molto di come l'edge computing potrebbe finire con il cambiare la vera natura dell'infrastruttura di Internet reindirizzando il traffico di dati verso strutture di elaborazione più piccole e locali, anziché verso data center enormi e dislocati. Secondo i sostenitori, tutto questo potrebbe assicurare ai servizi Internet tempi di risposta rapidissimi.

Ovviamente, gli operatori di rete non sono gli unici a perseguire le opportunità dell'edge computing. In effetti, la società di distribuzione di contenuti Akamai ha pubblicizzato a lungo le sue capacità in termini di edge computing e di recente ha riorganizzato il suo business media delivery, web performance e edge computing nel nuovo "Edge Technology Group".

Akamai ha pubblicizzato una rete di edge computing dislocata su 300.000 server in più di 4.000 sedi, una rete venduta ai media, al gaming e ad altre aziende. Secondo un recente rapporto stilato dagli analisti finanziari di Cowen, l'azienda è convinta che il suo mercato totale da conquistare per l'edge computing e i servizi correlati crescerà fino a 18 miliardi di dollari entro il 2025.


L'edge computing esploderà insieme alla crescita del 5G

IT Business Edge
2 marzo 2021

In modo molto simile a come le CDN vengono utilizzate per memorizzare le applicazioni web sull'edge della rete per migliorare l'esperienza della rete stessa, le organizzazioni stanno iniziando a utilizzare le CDN di fornitori come Akamai per offrire funzionalità simili alle applicazioni di edge computing distribuite in PoP (Points of Presence) gestiti dal provider di servizi CDN.

Questo approccio consente di offrire, ad esempio, aggiornamenti OTA (Over-The-Air) ad applicazioni che risiedono in veicoli connessi alla rete 5G, afferma Ari Weil, vicepresidente del reparto Product and Industry Marketing di Akamai.

La maggior parte delle organizzazioni non disporrà delle risorse finanziarie necessarie per creare e implementare l'infrastruttura richiesta per distribuire su larga scala applicazioni edge computing sensibili alla latenza, perciò ha più senso sfruttare un servizio, aggiunge Weil. "Bisogna essere in grado di offrire tempi di risposta in tempo reale sull'edge".


In che modo l'edge computing può aiutare a salvare l'ambiente

TechRepublic
1 marzo 2021

Karen Roby di TechRepublic ha parlato con Mike Mattera, direttore della sostenibilità aziendale di Akamai Technologies, dei vantaggi dell'edge computing. Di seguito è pubblicato una trascrizione modificata della loro conversazione.

Karen Roby: In sintesi, perché l'edge computing è la soluzione?

Mike Mattera: Portare i contenuti più vicini all'edge è importantissimo. Non solo favorisce la sostenibilità ambientale ma anche avvicina tali contenuti ai visitatori. Questo cosa significa? Essere in grado di salvare i contenuti sull'edge consente di risparmiare e di favorire la sostenibilità ambientale delle attività tecnologiche.


Akamai rilascia un software per i siti web di registrazione per la vaccinazione

ITWire
26 febbraio 2021

Il provider di reti per la distribuzione di contenuti Akamai ha rilasciato un software per l'esecuzione dei siti web dedicati alla registrazione per la vaccinazione ed ha affermato che Vaccine Edge fornisce la logica di delivery, sicurezza e sala d'attesa necessaria.

Il software è stato sviluppato in un momento in cui molti paesi, tra cui l'Australia, hanno lanciato le campagne di vaccinazione contro il COVID-19.

L'azienda ha affermato che la sala d'attesa è una funzionalità chiave per garantire che i visitatori non abbandonino il sito.

"Quando un visitatore accede al sito web, Vaccine Edge stabilisce se indirizzarlo alla sala d'attesa virtuale in base alle vostre configurazioni", ha affermato l'azienda, descrivendo il front-end del sito.


3 casi di studio sul modello SASE che esplorano le implementazioni in tempo reale

TechTarget
24 febbraio 2021

Nel 2012, Akamai Technologies ha iniziato a spostare sull'edge le funzioni di sicurezza rivolte ai clienti, come risposta all'avvento del cloud computing e alla proliferazione degli attacchi DDoS (Distributed Denial-of-Service), secondo il CTO Patrick Sullivan. Questa migrazione, avvenuta sette anni prima che Gartner rendesse popolare il termine SASE, avrebbe gettato le basi per la futura implementazione interna del modello SASE da parte dell'azienda.

"Non usavamo la terminologia specifica del SASE, ma avevamo i principi fondamentali", ha affermato Sullivan.

In contrapposizione al tradizionale modello di sicurezza della rete, in cui i dispositivi di sicurezza giacevano separati in un data center centralizzato, Sullivan ha dichiarato che SASE presenta "un unico stack di sicurezza in esecuzione sull'edge con applicazioni che si alimentano l'un l'altra e rispondono a un sacco di risposte diverse". Ad esempio, il SASE può valutare se una richiesta è valida o dannosa; se l'autore è un essere umano o un bot; se ci sono indicazioni di una frode o se l'entità ha bombardato altri clienti sulla piattaforma con richieste sospette.


I giocatori sono presi di mira dagli attacchi di credential stuffing; ecco cosa potete fare

The Xbox Hub
23 febbraio 2021

Negli ultimi decenni, il settore del gaming è migliorato molto. Chi può paragonare Fallout 1 con Dragon Age o Witcher 3 e negare i passi da gigante fatti? Inoltre, dai giochi a singolo giocatore che si acquistavano su compact disk (sì, me li ricordo) siamo passati ai giochi multiplayer di massa con monetizzazione basata su abbonamento e microtransazioni.

Cosa implica tutto ciò per un videogame? Che il suo valore è aumentato. Hai ancora il glorioso CD di Diablo 1 pagato sui 30 $, ma il tuo account World of Warcraft è ricco di skin e mount ed ha di gran lunga più valore. Il valore del tuo account Xbox è ancora più elevato, il che lo rende un bersaglio appetitoso per i criminali informatici.

La verità è che lo stato della sicurezza informatica è pessimo e ciò si ripercuote anche sui giocatori. Secondo un rapporto di Akamai, "Akamai ha notato 10,6 miliardi di attacchi alle applicazioni web tra i suoi clienti tra luglio 2018 e giugno 2020, oltre 152 milioni dei quali erano diretti al settore del gaming".


La blockchain di bitcoin aiuta a impedire che una botnet venga smantellata

ArsTechnica
23 febbraio 2021

Quando gli hacker hanno infettato i computer in una botnet, hanno fatto particolare attenzione ad assicurarsi di non perdere il controllo del server che invia i comandi e gli aggiornamenti ai dispositivi compromessi. Queste precauzioni servivano a contrastare i sistemi di difesa della sicurezza che disabilitano regolarmente le botnet assumendo il controllo del server Command and Control che li gestisce in un processo noto come sinkholing.

Di recente, una botnet che i ricercatori hanno seguito per circa due anni ha iniziato a usare un nuovo modo per prevenire la rimozione del server Command and Control: mascherando uno dei suoi indirizzi IP nel blockchain di bitcoin.

"Ciò che è diverso qui è che, in genere, in questi casi c'è una qualche autorità centralizzata che guida il tutto", ha affermato Chad Seaman, un ricercatore di Akamai, il provider di reti per la distribuzione dei contenuti che ha fatto la scoperta. "In questo caso, stanno utilizzando un sistema decentralizzato. Non è possibile eliminarlo. Non è possibile censurarlo. È lì".


L'Internet Registry RIPE NCC mette in guardia contro gli attacchi di credential stuffing

InfoSecurity Magazine
19 febbraio 2021

Ieri, uno dei cinque registri Internet al mondo ha avvertito gli utenti di aver subito un attacco credential stuffing fallito.

RIPE NCC è il registro Internet regionale (RIR) per Europa, Asia occidentale ed ex Unione Sovietica.

In un aggiornamento di ieri, ha affermato che il suo servizio SSO (Single Sign-On) ha subito un tentativo di violazione degli account e ha provocato dei downtime.

Un rapporto del 2020 di Akamai ha dichiarato che il 60% degli attacchi di credential stuffing rilevati nei due anni precedenti erano indirizzati ai settori retail, viaggi e hospitality e la maggior parte (oltre il 90%) di essi era correlata a brand retail.


Un ente no profit promette di donare 1 milione di dollari per offrire una protezione gratuita da ransomware agli ospedali privati

SC Magazine
19 febbraio 2021

Forse nessuna parte del settore come gli ospedali è stata trafitta dal flagello del ransomware nell'ultimo anno. Già sopraffatti e vicini al collasso a causa di una pandemia impetuosa, gli ospedali e le strutture sanitarie hanno dovuto affrontare anche il caos di sistemi IT bloccati, cure ritardate e costi di recupero sostanziali.

Il Center for Internet Security, struttura no profit, sta cercando di dare una mano, impegnandosi con un investimento di 1 milione di dollari per offrire agli ospedali privati una protezione da ransomware gratuita sotto forma di servizi di blocco e segnalazione di domini dannosi.

I servizi saranno gestiti dallo staff del CIS, mentre la piattaforma di sicurezza Domain Name System sarà fornita tramite la società di sicurezza informatica Akamai. Moulin ha dichiarato che, dopo aver valutato diversi potenziali servizi, hanno deciso che il blocco e la segnalazione dei domini dannosi erano i più facili da implementare e anche i più comprovati, con oltre 1000 elezioni e governi statali, tribali locali e territoriali che già li usano come membri di diversi ISAC.


Perché il sito web per i vaccini del Massachusetts non può funzionare meglio?

The Boston Globe
18 febbraio 2021

Massachusetts è un leader globale in campi tecnologici heavy-duty come la robotica e l'intelligenza artificiale, eppure il governo statale sta vivendo un periodo da incubo nel tentativo di creare un sito web semplice per consentire ai residenti di prenotare facilmente il vaccino contro il COVID-19.

Il guasto più recente e spettacolare si è verificato martedì mattina, quando il principale sito di pianificazione dei vaccini dello stato si è bloccato ripetutamente a causa del pesante traffico dovuto a migliaia di nuovi residenti idonei che cercavano di prenotare i pochi appuntamenti disponibili.

"La parte più critica in tutto questo è la preparazione", ha affermato Mani Sundaram, Chief Information Officer di Akamai Technologies, un'azienda di Cambridge che gestisce la delivery mondiale dei dati Internet.

Akamai collabora con diversi enti governativi USA, offrendo loro un servizio chiamato Vaccine Edge, che aiuta a gestire la distribuzione dei vaccini. Come parte del processo di configurazione, Akamai esegue test di stress progettati per simulare un'improvvisa impennata di traffico, che derivi da persone che cercano i vaccini o da attacchi bot generati dai criminali online. Non è chiaro se l'amministrazione Baker ha eseguito una prova simile, anche se tali pratiche sono comuni in tecnologia.


Ari Weil-TechStrong TV

Digital Anarchist
16 febbraio 2021

Discutiamo dell'edge computing nel 2021, incluse alcune best practice, alcuni dei migliori casi di utilizzo per l'edge computing e il motivo per cui l'economia detta quali dati è meglio gestire nel core.


Case study: Come Akamai ha affrontato un'impennata nella crescita della capacità

Increment
Febbraio 2021

Mentre il coronavirus obbligava alla quarantena persone di tutto il mondo all'inizio del 2020, Akamai (un'azienda che opera da 22 anni e gestisce più di 300.000 server che mantengono online quasi 1.500 reti per la distribuzione di contenuti [CDN]) ha visto in poche settimane un'impennata nella crescita della capacità che in genere vede in un anno. I livelli del traffico Internet sono aumentati vertiginosamente: il 75% in più rispetto alla media di febbraio in Italia, con l'emanazione dell'obbligo a rimanere in casa, e con simili ordini manifestati anche negli USA a marzo, il picco di traffico misurava un terzo in più rispetto ai livelli di febbraio.

Grazie all'idea di riutilizzare la capacità preesistente, di effettuare una pianificazione laterale intorno alle supply chain e anche a un po' della cara e vecchia fortuna, Akamai è stata in grado di mantenere online le sue reti, e le piattaforme e i servizi supportati, per tutta la pandemia, fino a oggi.

"Avevamo sovradimensionato in modo da avere a disposizione una capacità sufficiente e avevamo anche dei margini di sicurezza di alcuni terabit in ogni direzione", afferma Christian Kaufmann, Vice President di Network Technology di Akamai.


Il CEO di Akamai sulla sicurezza dal web al cloud

Bloomberg Markets: The Close
10 febbraio 2021

Tom Leighton, Chief Executive Officer di Akamai Technologies Inc., afferma che è arrivato il momento di raggruppare tutti i prodotti per la sicurezza in un unico gruppo.


Attacchi di hacker affliggono le scuole del Massachusetts

The Boston Globe
10 febbraio 2021

Come se non fosse abbastanza difficile insegnare ai ragazzi online durante la pandemia di COVID-19, un'implacabile serie di attacchi di hacker ha paralizzato gli sforzi di apprendimento remoto in diversi distretti scolastici del Massachusetts, costringendoli a spendere migliaia di dollari in sistemi di sicurezza per respingere i vandali.

In un attacco DDoS, centinaia o migliaia di computer emanano un enorme flusso di dati Internet verso la rete presa di mira, sovraccaricandola in modo tale che il traffico dati legittimo non riesce a passare. È un modo crudo per abbattere una rete, in quanto non richiede tecniche complicate. Ci sono perfino aziende che commissionano questi attacchi o vendono software per il fai da te.

Come conseguenza, "la capacità di lanciare attacchi è stata democratizzata", ha dichiarato Patrick Sullivan, Chief Technology Officer delle strategie di sicurezza di Akamai Technologies, con sede a Cambridge, che offre servizi che bloccano gli attacchi DDoS.


Akamai prevede un picco di traffico costante nel quarto trimestre

FierceVideo
10 febbraio 2021

Akamai ha registrato una crescita del fatturato a doppia cifra nel quarto trimestre e ha affermato che tutto ciò segna un nuovo picco di traffico costante.

Durante la conference call di martedì dell'azienda, il CEO Tom Leighton ha dichiarato che il 10 novembre il traffico sulla piattaforma Akamai ha raggiunto i 181 terabit al secondo, il 50% in più rispetto al picco del 2019. Ha aggiunto che Akamai aveva già superato il picco di traffico dello scorso anno la settimana prima, secondo la trascrizione di Motley Fool.

"Crediamo che la pandemia abbia accelerato l'utilizzo di Internet da parte dei consumatori in aree quali i video OTT , il gaming e l'e-commerce, e siamo convinti che questo schema di utilizzo persisterà d'ora in poi", ha affermato Leighton. "Tuttavia, ci aspettiamo di vedere una continua crescita del traffico nel 2021, ma con un tasso più in linea con i livelli storici prima del 2020".


Chiedere un passaggio verso l'edge ad Akamai

Datanami
4 febbraio 2021

L'edge, secondo gli specialisti di marketing, è un luogo magico dove quasi tutto è possibile. Ma per Akamai Technologies, l'azienda da 18 miliardi di dollari che ha fatto conoscere le reti per la distribuzione dei contenuti (CDN) durante il boom delle dot-com, la diffusione dell'edge computing e delle reti 5G rappresenta un cambiamento significativo nella modalità di distribuzione e utilizzo dei dati e della logica aziendale in futuro.

La recente conversazione di Datanami con Ari Weil, vicepresidente globale del reparto Product and Industry Marketing di Akamai, era iniziata in modo innocente con una domanda che sembrava perfettamente ragionevole a quel tempo: che cos'è l'edge? In base alla risposta di Weil, l'edge può essere, in effetti, un vaso di Pandora.


Principali punti salienti dello shopping natalizio del 2020: è essenziale adattarsi all'evolversi delle aspettative dei clienti

Customer Experience nel retail
3 febbraio 2021

La classica frase "Non c'è posto più bello di casa propria durante le festività" non avrebbe potuto essere più vera per le vacanze natalizie del 2020. I disagi creati dalla pandemia hanno influito sulla routine della vita di tutti i giorni e hanno lasciato milioni di persone ansiose, bloccate in casa e isolate. L'estensione e la durata dei lockdown mondiali e delle chiusure aziendali hanno obbligato le persone ad abbandonare anche le abitudini più radicate, che si tratti di recarsi al bar per una pausa a metà giornata, trascorrere qualche ora in palestra dopo aver lasciato i bambini a scuola, recarsi al supermercato la domenica o stare in una coda infinita presso i grandi negozi retail durante i periodi di svendita.

Indubbiamente, il retail è stato uno dei settori più colpiti dallo scoppio della pandemia di COVID-19, che ha spinto gli acquirenti a comprare più spesso online, ad astenersi dallo shopping nei negozi e ad evitare luoghi potenzialmente pericolosi, come gli affollati grandi magazzini e centri commerciali, il che ha portato, come conseguenza, a un ridotto traffico a piedi per recarsi ai negozi fisici. Questo improvviso cambiamento nei comportamenti di acquisto dei consumatori ha portato a un picco delle vendite online per tutto l'anno, indicando senza ombra di dubbio che lo shopping del Natale 2020 sarebbe stato fatto da casa. Questi fattori hanno posto serie sfide per i retailer online.

Tara Bartley, Senior Manager, Industry Marketing e Ashitha Bhanu, Industry Marketing, Akamai, condividono i dati Akamai relativi alle più recenti festività natalizie e alle principali tendenze.


Akamai acquisisce Inverse per migliorare i servizi di sicurezza IoT

ZDNet
1 febbraio 2021

Lunedì, il provider di servizi cloud Akamai ha dichiarato di aver acquisito Inverse, una società di consulenza e integrazione open-source con sede a Montreal.

Tra il suo portfolio di servizi, Akamai ha sottolineato che la tecnologia di Inverse fornisce il contesto e la visibilità nel panorama dei dispositivi IoT.

Nello specifico, Akamai ha affermato che Inverse offre un archivio dati e algoritmi in grado di identificare i dispositivi IoT e mobili, inclusi HVAC, sistemi di illuminazione, robotica e stampanti, e fornisce alle aziende informazioni dettagliate sui comportamenti in rete di quei dispositivi, al fine di migliorare i controlli di sicurezza.


L'inevitabile spostamento della sicurezza sull'edge

Dark Reading
27 gennaio 2021

Nel 2019, Gartner ha pubblicato un documento in cui definisce il Secure Access Service Edge come il framework che sarebbe stato implementato dalla maggior parte delle imprese. Il modello SASE offre una soluzione elegante a molte sfide affrontate dai CISO oggi, incluso il mantenimento della strategia di sicurezza durante le rapide trasformazioni digitali, lo spostamento delle sedi dei lavoratori, la migrazione verso un'architettura Zero Trust e la protezione delle aziende mentre sempre più processi passano a DevSecOps.

Molto prima che venisse coniato il termine SASE, i controlli di sicurezza avevano iniziato ad eseguire le ispezioni più vicino agli utenti finali. Più di un decennio fa avevamo assistito alla migrazione della sicurezza delle app destinate ai clienti dai data center aziendali all'edge, per spostare l'ispezione della sicurezza più vicina agli utenti, piuttosto che forzare il traffico a viaggiare verso una posizione fissa in cui venivano implementate le appliance di sicurezza. Oggi l'edge è la posizione predominante per la mitigazione degli attacchi DDoS distribuiti, la sicurezza delle applicazioni web e i controlli correlati per le applicazioni dirette al pubblico. Questa migrazione rappresenta una lezione in quanto le organizzazioni stanno spostando la sicurezza della forza lavoro sull'edge.


Akamai e Plume si uniscono per una copertura della sicurezza cablata e wireless

FierceWireless
27 gennaio 2021

Akamai, nota come provider di reti per la distribuzione dei contenuti (CDN), e Plume, nota per il suo software Wi-Fi, collaborano per offrire congiuntamente servizi per smart home e smart business, inclusa la sicurezza.

Questa unione darà ad Akamai e Plume l'accesso reciproco ai rispettivi clienti e team di vendite e marketing.

John Arledge, Software and Technology General Manager di Akamai, ha dichiarato: "Nella nostra sfera vendiamo agli operatori software e servizi che essi raggruppano sotto il proprio brand e rivendono ai loro clienti, sia di linea fissa che mobile". Ad esempio, presso Telstra il servizio basato su Akamai si chiama Broadband Protect, mentre presso Vodafone si chiama Secure Net.

"Akamai e Plume hanno entrambi successo con i loro clienti", ha dichiarato Arledge. "Noi combineremo la tecnologia Plume con i nostri canali di vendita e le nostre relazioni. Porteremo anche la tecnologia Akamai".


Akamai: fronteggiare la pirateria audiovisiva con una migliore consapevolezza situazionale

CDSA Daily
27 gennaio 2021

Il settore sta iniziando a fronteggiare la pirateria audiovisiva con una migliore consapevolezza situazionale e una "protezione a 360 gradi" che include protezione, rilevamento e applicazione, secondo Akamai.

Le organizzazioni che si occupano di mezzi di comunicazione e intrattenimento affrontano una "gamma di vettori di attacco ogni giorno" da parte dei pirati, ha affermato Ian Munford, Global Video Industry Analyst dell'azienda il 26 gennaio durante il webinar "Tutti schierati contro la pirateria".

Durante la sessione, lui e altri esperti di pirateria dell'azienda hanno discusso dei metodi e delle pratiche usate dai pirati oggi e di alcuni dei più recenti sviluppi tecnici nella lotta contro la pirateria.


Akamai: tentativi di estorsione in aumento durante gli attacchi DDoS

TechTarget
26 gennaio 2021

Le tattiche di estorsione si sono ampliate oltre gli attacchi ransomware che le avevano rese popolari. Martedì, in un articolo di ricerca, Akamai Technologies ha descritto un aumento nell'attività DDoS per tutto il 2020, che ha incluso un cambiamento di motivazioni economiche e l'aumento di attacchi basati su estorsione. Secondo la ricerca, il 2020 ha visto anche attacchi fuori dal comune che hanno raggiunto 1,44 Tbps e attacchi da 809 Mbps contro una banca europea e un cliente di hosting Internet, rispettivamente.

Mentre l'anno era iniziato con un numero costante di grandi attacchi, l'attività DDoS ha iniziato ad aumentare clamorosamente quando il COVID-19 ha colpito l'Europa e gli Stati Uniti, forzando quasi tutti gli aspetti della vita a passare online. Non solo gli autori di minacce responsabili questi attacchi DDoS si sono dati a campagne di estorsione, hanno anche allargato l'ambito dei potenziali bersagli, il che, secondo Akamai, può essere considerato un'anticipazione del futuro.


Dolby, Akamai, AWS, Sony portano a casa gli Emmy della tecnologia

M&E Daily
26 gennaio 2021

Nella categoria "Reti per la distribuzione dei contenuti", Akamai ha vinto il suo Emmy per "eccellenza in creatività ingegneristica" per il suo lavoro sulle CDN, come mezzo per affrontare la sfida della congestione di Internet.

"È un grande onore per Akamai ricevere un Emmy Award, che testimonia l'operato infaticabile e la passione di tutte le persone che hanno permesso di trasformare in realtà il sogno della televisione su internet" ha dichiarato Tom Leighton, CEO e cofondatore di Akamai. "Assegnare alle CDN uno dei riconoscimenti più prestigiosi del settore televisivo dimostra l'incredibile evoluzione di questa tecnologia. Siamo arrivati a un punto per cui oggi l'esperienza di visione della TV su internet è pari, se non migliore, di quella via etere, satellite o cavo. Il 2020 lo ha dimostrato in modo definitivo, quando centinaia di milioni di persone in tutto il mondo, costrette al confinamento e all'isolamento a causa del COVID-19, si sono affidate ai servizi di streaming alla ricerca di informazioni e intrattenimento. La tecnologia CDN si è rivelata fondamentale per aiutare tali servizi a gestire gli improvvisi e ingenti picchi di traffico e a fornire contenuti senza interruzioni".


Gli sviluppatori passano sempre di più all'edge computing nel 2021

Toolbox
20 gennaio 2021

Nel 2021, l'adozione dell'edge computing accelererà a un ritmo più veloce rispetto all'adozione del cloud computing. Sempre più aziende stanno comprendendo quali sono i vantaggi dell'edge, ossia il modo in cui l'avvicinare l'elaborazione e le applicazioni agli utenti finali migliora le performance riducendo la latenza e garantendo una experience online sicura.

Inoltre, mentre l'innovazione guidata dagli sviluppatori sposta la customer experience in avanti, i processi agile che si fondono con l'edge computing diventeranno sempre più centrali per gli obiettivi di delivery principali. Possiamo dire che l'edge computing sarà il centro dello sviluppo delle applicazioni e dei team di delivery per il prossimo anno.

Innanzitutto, l'edge computing è in simbiosi con i microservizi. Lo sviluppo delle applicazioni ha visto un forte spostamento da uno sviluppo monolitico a uno sviluppo guidato dai microservizi. I vantaggi di questo approccio sono ben documentati: i microservizi possono essere creati sui servizi e le strutture dati che funzionano meglio, e un loro guasto non richiede la revisione di un'intera applicazione. Lo sviluppo guidato dai microservizi continuerà a crescere nel 2021.


Il nuovo programma per i partner di Akamai mira a certificare e aggiungere MSSP

IT Europa
20 gennaio 2021

La statunitense Akamai Technologies ha un nuovo Programma per i partner Akamai che mira a espandere e supportare i servizi di alto valore dei suoi partner di canale. I partner migreranno al nuovo programma nell'arco di un periodo di transizione di 6 mesi.

Gli ecosistemi Akamai comprendono operatori, CSP, MSSP e SI. Nel nuovo programma, l'obiettivo è quello di avere tutti i partner con una certificazione base e il 50% con una certificazione avanzata in una o più categorie di prodotti. Per aumentare la copertura e la portata in alcuni mercati e segmenti verticali, Akamai pianifica di aggiungere altri MSSP al suo ecosistema nel 2021.

Anno dopo anno, il fatturato di Akamai proveniente dai partner di canale è aumentato, afferma IT Europa. "Oggi, circa un terzo del fatturato annuale di ≈3 miliardi di dollari di Akamai (il fatturato annuale del 2020 verrà comunicato a febbraio) proviene dai partner di canale. Il nostro robusto programma per i partner incentrato sul coinvolgimento e l'abilitazione è progettato per accelerare ulteriormente la crescita del fatturato dei partner di canale".


Jared Mauch non aveva una buona banda larga, così ha costruito il suo proprio ISP di fibra

Ars Technica
12 gennaio 2021

Il vecchio detto "se vuoi che una cosa venga fatta bene, fattela da solo" in genere non è utile quando il tuo problema consiste nel non avere un buon servizio Internet. Ma per un uomo del Michigan rurale di nome Jared Mauch, che si dà il caso sia un Network Architect, la soluzione a non avere una buona banda larga a casa è stata costruire il suo proprio provider di servizi Internet in fibra.

"Ho dovuto creare una compagnia telefonica per avere un accesso a Internet [ad alta velocità] a casa mia," ha spiegato Mauch in una recente presentazione riguardo al suo nuovo ISP che serve la sua abitazione a Scio Township, vicina ad Ann Arbor, e alcune decine di altre abitazioni nella contea di Washtenaw.

Mauch, un Network Architect senior presso Akamai, si era trasferito in quella casa nel 2002. In quel periodo, aveva una linea T1 da 1,5 Mbps, che a quei tempi era considerata "una connessione Internet davvero ottima", ha dichiarato. Con l'avanzare della tecnologia a banda larga, ha spiegato Mauch, un ISP avrebbe dovuto collegare la sua abitazione tramite cavo o fibra. Ma non è mai avvenuto.



I partner di Akamai Technologies migrano verso un nuovo programma di canali

Channel Futures
11 gennaio 2021

I partner di Akamai Technologies avranno a disposizione un nuovo programma per partner che offre maggiori flessibilità, supporto e incentivi finanziari.

Il Programma per i partner Akamai si espande e supporta la possibilità dei partner di Akamai Technologies di distribuire servizi di alto valore ai loro clienti. Poggia sul programma per i partner di canale esistente dell'azienda.

I partner di Akamai Technologies migreranno al nuovo programma nell'arco di un periodo di transizione di sei mesi.


Previsioni di Akamai per il 2021: crescita dell'edge computing e delivery dominata dai microservizi e dagli ambienti multicloud

VMBlog
11 gennaio 2021

Mentre ci avviciniamo alla fine del 2020, le organizzazioni digitali si concentrano sull'introduzione di customer experience nuove e coinvolgenti per restare competitive. Guardando al mondo post-pandemico del 2021, le organizzazioni possono aspettarsi che l'edge computing giocherà un ruolo più importante nella realizzazione di queste experience, passando dalle grandi aspettative alla realtà. Inoltre, gli ambienti multicloud misti e l'implementazione di DevOps "più intelligenti" saranno in prima linea l'anno prossimo.

L'adozione dell'edge computing aumenterà clamorosamente

Considerata la gamma di soluzioni chiave in mano già disponibili, gli sviluppatori non dovranno più chiedersi se il codice personalizzato funzionerà sull'edge ma, al contrario, potranno prendere decisioni chiare su quale codice eseguire sull'edge. Molte funzioni e molti microservizi esistenti sul cloud o su un server locale trarranno chiari vantaggi dall'avvicinare il più possibile l'elaborazione ai clienti. L'edge garantisce performance migliori, traffico ridotto di round-trip e meno dati sensibili nelle reti. La migrazione è semplice: il codice esistente può essere trasferito tranquillamente sui nodi edge della rete.


L'edge: cosa significa per l'intelligenza artificiale?

Forbes
9 gennaio 2021

L'edge è un endpoint in cui i dati vengono generati tramite un qualche tipo di interfaccia, dispositivo o sensore. Ma questa tecnologia non è affatto nuova. Tuttavia, alla luce delle rapide innovazioni in una miriade di categorie, l'edge è diventato un importante settore in crescita.

Ari Weil, Global Vice President of Product and Industry Marketing di Akamai: "Considerate i dispositivi medici come i pacemaker e i cardiofrequenzimetri negli ospedali. Se mostrano un cattivo funzionamento o una qualche condizione che richiede un'attenzione immediata, l'elaborazione tramite intelligenza artificiale su o vicino al dispositivo rappresenta la differenza tra la vita e la morte".


Akamai svela il nuovo programma per i partner per sviluppare la delivery dei servizi

CRN
8 gennaio 2021

Akamai ha introdotto un nuovo programma per i partner che promette di aumentare più del doppio i margini per i provider di soluzioni che distribuiscono ai clienti servizi di progettazione e implementazione.

Il provider di Intelligent Edge Platform, con sede a Cambridge, nel Massachusetts, ha affermato che il suo precedente programma delineava i provider di soluzioni solo in base al fatturato e alle certificazioni, il che significava che i partner di generazione delle domande o di distribuzione spesso erano idonei per gli stessi margini dei partner di delivery dei servizi, secondo Michael McCollough, Global Vice President, Channels and Alliances.

McCollough dichiara che nel nuovo programma per i partner Akamai i provider di soluzioni certificati per distribuire servizi avanzati possono guadagnare margini fino al 40%. E questo in netto contrasto con i partner di generazione della domanda, che secondo McCollough potranno ottenere margini tra il 15% e il 20% nel nuovo programma.

"Akamai sta diventando davvero un'azienda per i canali", ha dichiarato McCollough a CRN in esclusiva. "Il canale è davvero critico per il nostro modello go-to-market e vogliamo fare in modo che entrambe le parti abbiamo successo".


Akamai collabora con MX Player per offrire un'experience di visualizzazione ottimale in India

ET Brand Equity
5 gennaio 2021

MX Player ha stretto una partnership con Akamai Technologies per fornire alla sua crescente base di utenti in India una experience digitale ottimale. Per la piattaforma di streaming, la soluzione per la distribuzione dei contenuti multimediali di Akamai era la scelta ideale per distribuire una experience di visualizzazione di alta qualità ai clienti di diverse città. Il miglioramento delle performance e delle user experience è stato particolarmente evidente nel caso di MX TakaTak, la piattaforma di video brevi.

Vivek Jain, Chief Operating Officer, MX Player, ha affermato, "MX Player ha notato un aumento di 7 volte del tempo trascorso sull'app. Anche MX TakaTak, che abbiamo lanciato di recente, ha avuto 1 miliardo di visualizzazioni video al giorno ad un mese dal lancio, ed è diventata rapidamente l'app leader sul mercato nella categoria dei video brevi. Siamo sempre stati ossessionati da tempi di caricamento video migliori. Akamai è pioniera nella distribuzione sull'edge e la sua presenza, in particolare nelle città di livello II e III, ci ha aiutato a distribuire experience di visualizzazione di assoluta qualità sia nelle megalopoli indiane che nelle città dell'entroterra".


Il ringiovanimento dello streaming: Akamai raggiunge gli obiettivi in fatto di energia rinnovabile nonostante l'avanzare della pandemia

Streaming Media
5 gennaio 2021

Mike Mattera, Direttore della sostenibilità aziendale di Akamai, ha pubblicato oggi un affascinante post del blog incentrato su quello che qui a Streaming Media chiamiamo "Greening of Streaming", rendere sostenibile lo streaming. Descrive come il colosso dello streaming continui a perseguire il suo obiettivo di utilizzare energia rinnovabile per il suo data center nella costa orientale, nonostante l'impennata senza precedenti della richiesta di media delivery via streaming durante la metà del 2020.

"Quando vi sedete per guardare un film o un episodio dopo l'altro di una serie, considerate l'effetto che quel contenuto trasmesso ha sul resto del mondo?" scrive Mattera. "Continueremo a vedere un aumento delle emissioni di anidride carbonica a causa dell'energia necessaria a distribuire il contenuto online: i server, l'hardware di rete e l'energia necessaria a raffreddarli".

Mattera nota che, anche con la continua richiesta sull'Akamai Intelligent Edge per tutta la durata della pandemia, Akamai ha mantenuto i suoi impegni nei confronti dell'energia rinnovabile.


Il gaming online aggiunge altri rischi al WFH

Security Boulevard
4 gennaio 2021

Durante le feste, con la pausa dell'insegnamento virtuale, scommettiamo che i vostri figli trascorreranno buona parte del loro tempo con i videogiochi. Tuttavia, se state lavorando da remoto, il gaming online può rappresentare un ulteriore vettore per un attacco informatico sulla vostra rete domestica e, prima o poi, anche sulla rete e sui dati della vostra azienda.

A dicembre, i ricercatori di Check Point hanno identificato quattro vulnerabilità nei socket della rete per il gaming di Steam, una popolare piattaforma di gioco di Valve.

Valve non è l'unico sviluppatore di giochi con rischi di sicurezza. All'inizio dello scorso anno, Akamai ha studiato la sicurezza del settore del gaming e ha individuato 152 milioni di attacchi alle applicazioni web e miliardi di incidenti di credential stuffing avvenuti nell'arco di due anni.

"I criminali stanno lanciando onde inarrestabili di attacchi contro i giochi e i giocatori, con l'obiettivo di compromettere gli account, rubare e sfruttare le informazioni personali e le risorse interne al gioco, ottenere vantaggi competitivi", ha affermato Steve Ragan, Security Researcher di Akamai ComputerWeekly.


Come potrebbe cambiare il mondo del lavoro, secondo il Vice President di Network Technology di Akamai

Business Insider
4 gennaio 2021

La pandemia del COVID-19 ha sovvertito tutto, dai luoghi di lavoro alla quantità di intrattenimento che consumiamo. Piattaforme come Disney+, Netflix e vari videogiochi, tra cui Among Us, hanno tratto vantaggio dallo schiacciante desiderio di distogliere l'attenzione dall'orrore della montagna di vittime e dell'aumento dei contagi. Allo stesso tempo, abbiamo trascorso più ore che mai in riunioni su Zoom e Microsoft Teams.

Mantenere tutto ciò in funzione è stato il compito di aziende come Akamai, un provider di reti per la distribuzione dei contenuti a grandi aziende, incluse banche e ditte importanti a livello mondiale.

Tuttavia, per mantenere attive le aziende durante la grande migrazione online, Akamai ha dovuto garantire di essere in grado di gestire con successo lo spostamento dei loro dipendenti, per adattarsi alla pandemia.

"Alcune persone che lavoravano da casa avevano a disposizione piccoli uffici nel seminterrato ed è andato tutto bene, hanno continuato a lavorare", ha affermato. "Altre persone hanno fatto affidamento sull'interazione con il team che non vedevano da sei mesi. Avevano un piccolo appartamento che non era organizzato per il lavoro da casa. Ora lavorano sul tavolo della cucina con i bambini che corrono loro intorno".