Blog

Spostamento Sull'edge—Una Panoramica in una Nuova era del Computing

Written by

Lelah Manz

October 15, 2020

Lelah Manz Blog

Alla fine di una settimana intensa di aggiornamenti della piattaforma Akamai, l'edge computing assume un'importanza critica. Akamai gestisce servizi sull'edge da oltre 20 anni, dalla distribuzione di contenuti e media, app e l'ottimizzazione IoT alla sicurezza sul cloud e aziendale. Ora siamo entusiasti di mettere a disposizione tutto il potenziale della nostra piattaforma per gli sviluppatori con EdgeWorkers, consentendo alle aziende di gestire il proprio codice senza server sui nostri nodi edge. Esaminiamo il motivo per cui Akamai lo considera così importante e perché l'edge computing sta guadagnando terreno nel settore.

Perché spostarsi sull'edge?

Consideriamo l'edge computing come il prossimo e naturale cambio di paradigma nell'IT, che sta per avviare una nuova ondata di decentralizzazione. Negli ultimi dieci anni, nel settore ci sono state due tendenze apparentemente contrapposte nell'ambito IT. Da un lato, vi è la centralizzazione e il consolidamento dell'infrastruttura nei data center cloud (privati, pubblici o ibridi). Dall'altro lato, dalla parte degli utenti finali, abbiamo assistito a un'esplosione sia della diversità che della distribuzione locale dei dispositivi client, favorita da dispositivi mobili ad alta capacità e reti wireless ampiamente disponibili. Ciò ha creato una serie di sfide che l'edge computing può affrontare, a differenza del cloud o dei data center tradizionali.

Le distanze tra un piccolo numero di grandi data center centralizzati e miliardi di utenti finali mobili distribuiti in tutto il mondo sono troppo grandi per consentire performance adeguate, sia per quanto riguarda il supporto di qualsiasi tipo di applicazione critica in termini di latenza sia semplicemente per permettere experience degli utenti finali altamente personalizzate e reattive.

E, mentre la richiesta di tali experience personalizzate è salita alle stelle, c'è allo stesso tempo una crescente preoccupazione per la conservazione e l'elaborazione di tutti i dati incentrati sull'utente, inclusi i dati personali, nei grandi data center centralizzati. La delega completa del controllo al cloud richiede una fiducia unilaterale dai client ai cloud, spesso in conflitto diretto con le nuove normative sulla protezione dei dati e i principi Zero Trust.

Sebbene uno dei fattori chiave del consolidamento di un numero sempre maggiore di servizi e funzioni sul cloud fosse la riduzione dei costi, le interazioni necessarie tra gli utenti finali e il cloud hanno comportato un elevato round trip della rete e un'inflazione di traffico, archiviazione ed elaborazione sul cloud stesso.

L'edge computing offre un potenziale significativo per affrontare questi problemi. Spostando le applicazioni, i dati e i servizi dai nodi centralizzati alla periferia della rete, l'edge computing avvicina dati, applicazioni, informazioni e processi decisionali agli utenti e alle "cose" che agiscono su di essi. Colloca il controllo e le decisioni sulla fiducia sugli edge e consente applicazioni ed experience nuove e più incentrate sull'utente, riducendo al minimo il trasferimento di dati personali. I requisiti di round trip, archiviazione ed elaborazione per il cloud sono ridotti al minimo, così come i costi associati.

Edge computing significa elaborazione senza server

Ciò che rende l'edge computing ancora più allettante e facile da adottare è che significa anche elaborazione senza server, almeno quando le aziende utilizzano una soluzione come il nostro EdgeWorkers, che offre tutto il necessario per distribuire ed eseguire il codice. Non è necessario alcun hardware e non è necessaria la manutenzione di un ambiente di runtime o di un sistema operativo. Gli sviluppatori e le organizzazioni IT non devono nemmeno preoccuparsi di aspetti legati alla scalabilità, alla disponibilità e alle performance, quali i tempi di avvio a freddo o l'effettiva distribuzione del proprio codice sulla rete edge e, ovviamente ma soprattutto, non devono possedere una rete edge.

Creare e mantenere una rete efficiente e distribuita di nodi edge è un'impresa che non è fattibile e non ha senso dal punto di vista aziendale, nemmeno per le aziende abbastanza grandi da gestire il proprio cloud privato. Akamai gestisce la rete edge più ampiamente distribuita al mondo. Aprendo questa piattaforma all'edge computing, possiamo occuparci di tutti gli aspetti principali necessari per eseguire il vostro codice. Gli sviluppatori dovrebbero potersi concentrare solo su ciò che sanno fare meglio: scrivere codice, innovare e creare applicazioni che offrono valore agli utenti finali e consentono all'azienda di differenziarsi.

Il nuovo paradigma: posizionamento del codice dove funziona meglio

Ciò che distingue l'edge computing da così tante tendenze del passato è che è decisamente complementare e non competitivo alla tendenza con cui sembra essere in contrapposizione. I cloud privati, pubblici e ibridi rimarranno una parte cruciale dell'infrastruttura, ma l'edge computing sarà uno spazio aggiuntivo sempre più importante in cui è possibile eseguire il codice.

In altre parole, cambiare paradigma non significa spostare tutto in questa nuova posizione. In base al nuovo paradigma, è meglio distribuire i carichi di lavoro e i dati nelle posizioni in cui funzionano meglio. Avete bisogno di mantenere ridotte le distanze, il traffico e la latenza tra i dati e i relativi consumatori? L'applicazione è necessaria per ridurre al minimo la distribuzione e la centralizzazione dei dati sensibili, come le informazioni di identificazione personale (PII)? Prevedete di utilizzare dati e informazioni in base al contesto e alla posizione dell'utente per prendere decisioni quasi in tempo reale per la personalizzazione? Se le vostre esigenze sono simili a queste, la posizione migliore per il codice è quasi sempre l'edge.

Le aziende non dovrebbero pensare all'edge computing come a una tecnologia che richiede modifiche intrusive e una deviazione radicale dalle pratiche esistenti, sfide che hanno impedito a molti di adottare subito il cloud computing. Dovrebbero invece considerarlo uno strumento aggiuntivo, che non sostituisce ma arricchisce e migliora i sistemi, le applicazioni e i concetti esistenti. Dopo tutto, la maggior parte delle organizzazioni utilizza già una qualche forma di tecnologia edge per la memorizzazione nella cache, il monitoraggio o la protezione. E se questo utilizzo può essere esteso per eseguire codice personalizzato, i casi di utilizzo per l'edge computing possono essere identificati e implementati uno ad uno e senza i principali problemi di implementazione causati a molti dal passaggio al cloud.

Questo è esattamente ciò che stiamo facendo per le aziende con Akamai EdgeWorkers. Oggi, i nostri clienti utilizzano EdgeWorkers per ridurre i tempi di attesa per gli utenti finali, diminuendo la latenza da secondi a microsecondi a una cifra per i servizi di personalizzazione basati sulla geolocalizzazione o eseguendo la valutazione del consenso richiesta dalle normative a livello locale sull'edge anziché tramite richiamata al cloud. Altri eseguono trasformazioni di URL e routing direttamente sull'edge per ottimizzare la memorizzazione nella cache e ridurre al minimo i round trip, con tempi di caricamento più brevi e riduzione del traffico di rete e dei cicli di elaborazione sui server di origine. Articoli dei blog dettagliati su alcuni di questi casi di utilizzo sono disponibili nei link riportati di seguito.

Questo è solo l'inizio e le possibilità per il codice personalizzato sull'edge sono quasi infinite. L'Akamai Intelligent Edge Platform è la rete più ampiamente distribuita ed è ora aperta agli sviluppatori per eseguire il proprio codice, senza server e senza alcuno sforzo.

Dovete solo portare il vostro codice. Al resto pensiamo noi.

Per cominciare

Se desiderate scoprire come funziona l'elaborazione senza server sull'edge, potete registrarvi a EdgeWorkers.

Scoprite di più

Abbiamo creato una serie di post con guide e storie degli utenti, che descrivono in dettaglio come i clienti Akamai utilizzano le nuove funzionalità di EdgeWorkers e Image & Video Manager per fornire migliori experience digitali ai loro utenti finali. EdgeWorkers sarà anche un argomento principale della nostra prossima conferenza virtuale su Edge Live.

Ci saranno più opportunità di interagire con noi su questo e altro su Edge Live | Adapt il 10 e l'11 novembre. Registratevi per scoprire come i clienti stanno sfruttando questi miglioramenti, partecipare ad approfondimenti tecnici e ascoltare i nostri dirigenti sull'evoluzione di Akamai per il futuro.



Written by

Lelah Manz

October 15, 2020